Carabiniere spara alla moglie e si toglie la vita: Annamaria non ce l’ha fatta, morta dopo 5 giorni di agonia

Carabiniere spara alla moglie e si toglie la vita: Annamaria non ce l’ha fatta, morta dopo 5 giorni di agonia

L’uomo non aveva accettato la fine della loro relazione e, dopo diversi episodi di stalking, ha compiuto il folle gesto


SARNO – Dopo 5 giorni di speranza Annamaria non ce l’ha fatta. La donna, un’insegnate 49enne originaria di Sarno, era stata colpita da tre colpi di pistola venerdì scorso. A ferirla fu il marito, Antonio Boccia, carabiniere 54enne, poi suicidatosi nella propria casa a Marino, in provincia di Roma.

Dopo il folle gesto, la donna era stata ricoverata all’ospedale San Camillo di Roma dove era giunta in condizioni gravissime. Era stata sottoposta ad un intervento chirurgico con la speranza di salvarle la vita ma purtroppo non è bastato.

Secondo le indagini, il vice brigadiere Boccia non aveva accettato la fine del loro matrimonio e dopo un diversi episodi di stalking è arrivato a compiere il terribile atto: avrebbe infatti esploso tre colpi d’arma da fuoco contro la moglie e poi si sarebbe tolto la vita puntando la stessa arma verso il suo cuore.

La donna lascia tre figlie, il padre anziano e una sorella. Quest’ultima avrebbe ospitato Annamaria dopo l’ennesima lite con il marito, nel tentativo di allontanarla e metterla in sicurezza. Probabilmente è stato proprio questo trasferimento a portare al tragico epilogo.