Caserta, rissa tra giovani fermati e poliziotti: 3 ragazzi finiscono in manette

Caserta, rissa tra giovani fermati e poliziotti: 3 ragazzi finiscono in manette

Alla polizia sono stati danneggiati cinturoni, divise e la fondina della pistola. Secondo alcuni testimoni, un giovane sarebbe stato picchiato dagli agenti per aver filmato il fermo


CASERTA – Due poliziotti sono stati circondati e aggrediti a Caserta da un gruppo di persone intervenute in difesa di tre ragazzi appena fermati perché trovati a bere e bivaccare ieri dopo le 22, in violazione del coprifuoco. Tre persone sono state arrestate.

L’episodio – come riportato dall’ANSA – è avvenuto in piazzetta Cavour, nel Rione Tescione, quartiere popolare di Caserta. In soccorso degli agenti, picchiati e destinatari di sputi e offese e ai quali sono stati danneggiati cinturoni, divise e la fondina della pistola, sono intervenute altre volanti dalla Questura e solo con l’arrivo dei rinforzi la situazione è tornata a calma.

Alla fine sono stati arrestati e condotti in carcere, su disposizione del pm di turno della Procura di Santa Maria Capua Vetere, tre persone per i reati di violenza, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e danneggiamento di bene della pubblica amministrazione: si tratta di un 18enne diventato maggiorenne a febbraio, del padre 57enne con precedenti e di un 29enne.

Questa la versione dei fatti riportata dalla pagina social “Welcome To Favelas”, in un post a corredo del video:

“Riprende il fermo di alcuni ragazzi sorpresi fuori casa durante il coprifuoco e viene picchiato dalla polizia davanti la mamma. La vittima è il ragazzo nel cerchio in basso, attualmente si troverebbe in carcere per aggressione a pubblico ufficiale”.

CLICCA QUI PER GUARDARE IL VIDEO