Ex infermiera muore dopo la seconda dose del vaccino Pfizer: aperta un’inchiesta

Ex infermiera muore dopo la seconda dose del vaccino Pfizer: aperta un’inchiesta

La donna, mentre tornava a casa con la figlia, ha cominciato a sentirsi male e si è improvvisamente accasciata


LANCIANO – Era andata accompagnata dalla figlia, a fare la seconda dose del vaccino Pfizer al poliambulatorio di San Vito, in provincia di Chieti. Celestina De Santis, questo il nome dell’83enne infermiera in pensione, deceduta nel pomeriggio di ieri. La donna, come riportato da Il Mattino, ha avuto un improvviso malore ed è morta poco dopo la vaccinazione. Sul suo decesso è stata aperta un’inchiesta. Sarà l’autospia disposta dal pm Francesco Carusi della procura di Lanciano a stabilire l’esatta causa della morte

L’83enne dopo la somministrazione della seconda dose del vaccino Pfizer, mentre si apprestava a tornare a casa con la figlia,  ha cominciato a sentirsi male. La donna si è improvvisamente accasciata, priva di sensi. E’ stata soccorsa e caricata in ambulanza per il trasporto in ospedale, ma non c’è stato nulla da fare, è morta in breve tempo. La salma è stata trasferita all’obitorio dell’ospedale di Chieti per l’autopsia, disposta dalla Procura di Lanciano che sull’accaduto ha aperto un fascicolo.  Avviata un’inchiesta per accertare se c’è correlazione tra il siero inoculato e quanto successivamente accaduto. Gli esami necroscopici saranno effettuati martedì prossimo dal medico legale Domenico Angelucci