Femminicidio nel napoletano: Enza uccisa dal fratello a coltellate

Femminicidio nel napoletano: Enza uccisa dal fratello a coltellate

L’uomo era stato disarmato dagli agenti prima che la situazione peggiorasse ancora


BRUSCIANO – Ancora una terribile tragedia nel napoletano. Poco fa, a Brusciano, un uomo ha ucciso sua sorella e poi si è barricato in casa. Massima allerta in zona, forze dell’ordine sul posto.

Subito sono intervenuti in maniera decisa i poliziotti del commissariato di Acerra che sono riusciti ad entrare nell’appartamento di via Rossellini e a disarmare l’assassino prima che la situazione peggiorasse ancora. Stando alle prime ricostruzioni sarebbe stato lo stesso assassino a chiamare la polizia.

L’assassino, arrestato dalla Polizia, si chiama – come riportato dalla nostra collega Marilena Natale – Sebastiano Cimitile, mentre la vittima, la sorella, si chiamava Enza. Entrambi di circa 50 anni d’età.

L’assassino era ricoverato al cardarelli, da dove è stato dimesso qualche giorno fa, ed aveva già dato più volte segni di squilibrio. Già sette mesi fa, Sebastiano tentò di dar fuoco al palazzo con la bombola di gas. Sul posto, poi, intervennero i carabinieri ed evitarono il peggio.

CLICCA QUI PER GUARDARE IL VIDEO (AUTORE: MARILENA NATALE)