Giugliano, Pirozzi risponde all’opposizione: “Bonifica Casacelle avverrà nei tempi stabiliti”

Giugliano, Pirozzi risponde all’opposizione: “Bonifica Casacelle avverrà nei tempi stabiliti”

Le parole del sindaco: “Non è stato ancora possibile portare via dall’area i sacchi bianchi perché quei suoli erano sotto sequestro e non era possibile intervenire”


GIUGLIANO – La bonifica del Borgo Casacelle prevede un accordo di oltre 4 milioni di euro per telecamere e rimozione dei rifiuti sversati nelle campagne a Giugliano e Caivano, i due più colpiti dai roghi tossici. Ma a distanza di mesi, sul territorio sono ancora presenti i sacchi bianchi pieni di rifiuti, motivo per cui il sindaco Nicola Pirozzi si è trovato al centro di aspre polemiche da parte dell’opposizione. Per sciogliere ogni dubbio, il primo cittadino ha pubblicato un post sul suo profilo Facebook ufficiale, dichiarando che il motivo per il quale l’opera non è stata ancora terminata è il fatto che i suoli erano sotto sequestro.
Questo il post del sindaco: “Cerco sempre di evitare repliche di fronte alla demagogia e alle strumentalizzazioni di una determinata parte della minoranza che, tra l’altro, a Giugliano ha scritto brutte pagine di amministrazione e non solo. Ma quando si oltrepassa il limite, ritengo sia necessario fare chiarezza esclusivamente in nome della verità.
Sul completamento della bonifica dei suoli di via “Casacelle”, dopo aver raccolto i rifiuti non è stato ancora possibile portare via dall’area i sacchi bianchi perché quei suoli erano sotto sequestro in seguito ad un provvedimento emesso dalla Procura Napoli nord. E quando un’area è sotto sequestro, lo sanno pure i bambini, nessuno può intervenire. Si chiama rispetto della legge.
Nonostante ciò, come amministrazione siamo riusciti ad ottenere due settimane fa, sempre dalla Procura della Repubblica, il dissequestro temporaneo dell’area per consentire alla ditta incaricata dal Comune di completare la bonifica e quindi smaltire quei sacchi bianchi colmi di rifiuti. Ma, essendo in larga parte rifiuti speciali e altamente tossici, serve anche il via libera dell’Asl al piano di bonifica presentato da questa amministrazione. Appena, in settimana, arriverà anche l’autorizzazione dell’Asl, completeremo anche la bonifica di via “Casacelle”. Tutto nei tempi previsti dalla legge, nel totale rispetto della legalità.
Dispiace che un consigliere comunale come Luigi Sequino, che in questa città ha ricoperto pure incarichi di prestigio, sia caduto anche lui nelle braccia della demagogia ed abbia affrontato un problema senza nemmeno capire come stessero le cose. Questa si chiama malafede oppure è semplice allergia al rispetto della legge. Magari se ci fossero stati loro al governo, avrebbero violato il sequestro disposto dalla Procura? Noi no. Per noi i problemi si affrontano e si risolvono nel pieno rispetto della legalità.
Soprattutto questa è la differenza tra ieri e oggi. Mi dispiace per l’ennesima “gaffe” della minoranza ma ciò dimostra che la polemica a tutti i costi, spesso, si rivela controproducente. Poi si lamentano se il dibattito politico assume toni grotteschi e non all’altezza di una città come Giugliano. I problemi sono tanti, le emergenze pure. Possiamo mai perdere tempo cercando di creare casi che non esistono? Questo è il ruolo di una minoranza?”.