La Campania torna in bilico, De Luca avverte: “Ho sentito che rischiamo la zona arancione”

La Campania torna in bilico, De Luca avverte: “Ho sentito che rischiamo la zona arancione”

“Abbiamo un dato alto sul numero dei positivi. Mi sono intossicato”


CAMPANIA – Oggi, come ogni venerdì, i dati dall’Iss chiariranno le sorti di tutte le Regioni d’Italia, e tra queste c’è anche la Campania. Se fino a qualche ora fa la sua permanenza in zona gialla era data quasi per certa, ieri a suscitare qualche dubbio sono state proprio le parole del suo presidente, Vincenzo De Luca.

“Noi siamo per il massimo rigore, per non giocarci la stagione estiva. Già oggi qualche positivo che troviamo è il risultato di qualche allegria di troppo a Pasqua e Pasquetta. In Campania la mascherina va usata anche quando si dorme. Vi prego di fare un’azione di persuasione di controllo nei territori. Zona gialla, rossa o verde non si controlla più niente. Nell’area vesuviana quando c’era la zona rossa non controllava nessuno. Abbiamo un dato alto sul numero di positivi. C’e’ da capire bene come vengono valutati, anche perchè sono per il 99% asintomatici o paucisintomatici. Ho la sensazione che da altre parti d’Italia non adottino lo stesso rigore della Campania per valutare i positivi. Mi sono intossicato. Ho sentito che la Campania rischia la zona arancione”, sono state queste le parole del governatore a Mondragone, dove ha incontrato i sindaci dei comuni locali.

De Luca si è poi espresso duramente sulla situazione vaccini in Campania: “Sono dei delinquenti coloro che tolgono il vaccino alla Regione che ha la densità abitativa piu’ alta d’Italia e d’Europa. Non so quale espressione usare, ma loro sono un muro di gomma e fanno finta di non sentire. Noi continueremo a combattere finchè non si svegliano”, ha concluso.