Maggio sarà il mese delle riaperture, il piano del governo: il calendario

Maggio sarà il mese delle riaperture, il piano del governo: il calendario

Domani ci sarà l’incontro tra i ministri Gelmini e Speranza con i presidenti delle Regioni


ITALIA – Maggio sarà il mese delle riaperture, ma resteranno comunque delle restrizioni: mascherine, il distanziamento e le misure anti covid generali. Entro il 2 giugno tutte le attività chiuse dovrebbero riaprire.

Il piano del governo inizia a prendere forma e diventa chiaro anche se tutto continua a dipendere dalla circolazione del virus, saturazione degli ospedali e anche dalle vaccinazioni. Intanto domani ci sarà l’incontro tra i ministri Gelmini e Speranza con i presidenti delle Regioni. I quali presenteranno delle linee guida per le riaperture. Roberto Speranza, il ministro della Salute, ha spiegato: “è lecito aspettarsi riaperture a maggio”

LO SCHEMA DELLE RIAPERTURE

Il governo riguardo le riaperture ha le idee abbastanza chiare, la priorità sarà data ai ristoranti, cinema, teatri e palestre. Pare che la priorità si voglia dare proprio alle attività che possono svolgersi all’aperto: “L’ipotesi di lavorare solo sull’aperto personalmente mi convince molto, poi dovremo confrontarci con i nostri scienziati e i tecnici in sede di governo, ma i tutti i dati che ho visto indicano che all’aperto c’è sicuramente una minore diffusione del contagio”, ha commentato Speranza. Intanto le regioni avanzano l’ipotesi di spostare il coprifuoco a mezzanotte.

A maggio dovrebbero riprendere anche le attività culturali di cinema e teatri. Il ministro Franceschini ha presentato ieri un nuovo protocollo al Comitato tecnico scientifico, per permettere a più persone contemporaneamente di partecipare agli eventi: occupazione dei posti al 50% del totale, con un massimo di 500 spettatori al chiuso e di 1.000 all’aperto, raddoppiando le soglie usate finora.