Marano, Agorà e Azione chiedono di istituire un centro vaccinale in città

Marano, Agorà e Azione chiedono di istituire un centro vaccinale in città

La lettera inviata al sindaco Rodolfo Visconti, all’onorevole Andrea Caso, al consigliere regionale Pasquale Di Fenza e al dottor Tommaso Girasole, direttore del distretto 38 dell’Asl


marano

MARANO – Un centro vaccinale in città. È questa la richiesta dei gruppi Azione e Agorà a Marano. Dopo aver sottolineato la mancanza di una struttura locale, i rappresentanti dei due gruppi hanno lanciato la proposta mediante una lettera inviata al Sindaco Rodolfo Visconti, allOnorevole Andrea Caso, al Consigliere Regionale Pasquale Di Fenza e al Direttore di distretto n.38  Dott. Tommaso Girasole.

Questo il contenuto della lettera:

“Negli ultimi giorni in maniera sempre più costante agli scriventi Gruppi locali, Marano di Napoli in Azione ed Agorà, sono giunte numerose segnalazioni/rimostranze da parte di molteplici cittadini che hanno lamentato l’assenza nel nostro territorio di un Punto Vaccinale, comodo da raggiungere e che potesse ridurre le difficoltà per tutti coloro ( vds soggetti “fragili” – “anziani”) che, prossimamente, dovranno ricevere la dovuta somministrazione del vaccino anti Covid 19 senza doversi recare presso la sede, allestita per tale scopo, nel comune di Quarto.

Il Gruppo di Marano di Napoli in Azione tramite richiesta ufficiale a mezzo PEC consegnata in data 13.03.2021 ed accettata dagli Uffici preposti in data 15.03.2021 chiedeva al Sig. Sindaco Visconti, la costituzione di un Punto Vaccinale ubicato sul territorio maranese e facilmente fruibile dall’intera popolazione.

A tale richiesta, inoltre, si faceva seguito in data 25 marzo u.s. a mezzo stampa locale con la proposta di vagliare l’ipotesi di utilizzo dei seguenti immobili:

PALAMARANO quale Centro Vaccinale per tutti gli abitanti della Città;

le sale comunali di PALAZZO BATTAGLIESE, manutenendole e rendendole di pronto uso coordinandone con la locale Polizia municipale il flusso del traffico nel tratto viario antistante;

le strutture della Chiesa locale che è presente su tutto il territorio e che se compulsata, essendo sempre in prima fila per il bene comune, sarà sicuramente propensa a dare la propria disponibilità.

Alla luce del tempo trascorso e del persistere, ad oggi, della mancanza di un Centro vaccinale locale ci preme riportare all’attenzione delle SS.VV. la nostra proposta di utilizzare stabili ed edifici comunali quali sedi HUB e SPOKE per la campagna Vaccinale.

Pertanto, ribadendo le proposte già in precedenza avanzate, nonchè previo assenso del Locale Distretto Sanitario ASL, si chiede di vagliare l’ipotesi di utilizzo delle sedi quali :

il PALAMARANO quale Centro Vaccinale HUB per gli abitanti del Centro città;

le sale di PALAZZO BATTAGLIESE, quale Centro Vaccinale SPOKE per gli abitanti del Centro Storico e degli abitanti residenti alla base della collina dei Camaldoli;

il BOCCIODROMO di Via CastelBelvedere quale Centro Vaccinale SPOKE per le frazioni di San Rocco, San Marco e Castello Monteleone o l’ISTITUTO COMPRENSIVO DARMON – plesso Torre Caracciolo quale Centro Vaccinale SPOKE per la frazione di Torre.

Nell’impossibilità per limiti strutturali o logistici delle suddette strutture di compulsare, con formale invito, la Chiesa locale al fine di reperire fra gli stabili in uso a questi ambienti idonei che possano essere eventuale alternativa alle predette ipotesi.

In ultimo, considerando la Politica un “Servizio” da prestare negli interessi della comunità, chiediamo che sia svolto un lavoro di coordinamento con tutte le rappresentanze delle Istituzioni presenti nella nostra Città, una sinergia che vada nell’ottica della collaborazione tra le Istituzioni ed in tal senso che il Sindaco Visconti possa operare, oltre gli steccati ideologici, con l’On. Parlamentare Caso, il Consigliere Regionale Di Fenza e il Direttore del Distretto Sanitario nr.38 Dr. Girasole così da rendere realmente pragmatica l’azione di contrasto e prevenzione all’emergenza sanitaria in atto, migliorando la gestione delle problematiche nella nostra città di Marano di Napoli”.