Morra, Presidente commissione antimafia, in visita a Giugliano. “Campi rom e attentati alle aziende, bisogna intervenire”

Morra, Presidente commissione antimafia, in visita a Giugliano. “Campi rom e attentati alle aziende, bisogna intervenire”

Il senatore eletto col M5S accompagnato dal sindaco Nicola Pirozzi e dalla cronista Marilena Natale


GIUGLIANO – Il presidente della commissione parlamentare antimafia Nicola Morra in visita a Giugliano, per dare sostegno alle aziende agricole che subiscono attentati dalla criminalità comune dietro cui potrebbe celarsi quella organizzata.

“Sono aziende agricole come Egiziaca, Coop Sole (200 soci/aziende) che subiscono attentati dal 2018. Sono ragazzi e giovani imprenditori che nonostante le denunce continuano a subire sistematicamente furti di mezzi, devastazione ai sistemi d’irrigazione e altri danni che inducono queste aziende a non investire ulteriori risorse bloccandone di fatto l’evoluzione.
Aziende simili in altre regioni possono investire, innovare e crescere senza timore, qui si fa fatica a rimanere in piedi poiché quotidianamente si deve mettere mano al portafogli per ripristinare i danni subiti. È chiaro per tutti a Giugliano che vi sia un link fra la malavita organizzata e la microcriminalità ovvero fra il committente e l’esecutore materiale degli attentati”, ha dichiarato il senatore

Morra è stato accompagnato nel suo giro dal sindaco di Giugliano, Nicola Pirozzi che ha sfruttato l’occasione per un sopralluogo del presidente della commissione Antimafia al campo rom in zona ASI per verificare personalmente le condizioni in cui versa. Lo stesso Pirozzi, ai nostri microfoni, ha poi sottolineato quanto sia necessario un impegno comune di Governo, Regione e Amministrazione per affrontare una problematica complessa e di lunga durata. Il sindaco, a tal proposito, ha voluto ringraziare Sma Campania per gli interventi in programma o già effettuati su diverse zone della città per rimuovere rifiuti. GUARDA L’INTERVISTA AL SINDACO PIROZZI

“Quella che posso testimoniare è una violenza perpetrata a danno dell’ambiente, dei cittadini che abitano qui e dei colpevoli stessi di questo scempio: è, infatti, la comunità rom che spesso e volentieri viene colta impegnata a sversare rifiuti di qualsiasi tipo in questa enorme discarica a cielo aperto. Qui i bambini giocano nell’immondizia, come se fosse un parco giochi. Per i rappresentanti della comunità rom, con cui ho parlato, questo è normale. Ma in una civiltà democratica ed in cui si realizzi il rispetto della persona, chiunque essa sia, non può esserlo! Le istituzioni hanno il dovere di intervenire subito”.
“Ho scritto al vicepresidente della Giunta Regionale della Campania, Fulvio Bonavitacola – continua Morra – per chiedergli di studiare misure di intervento urgenti. Non si può far finta di niente, bisogna mettere in sicurezza l’area e chi abita all’interno e attorno ad essa”.

IL SOPRALLUOGO AL CAMPO ROM E L’INTERVISTA A NICOLA MORRA