Napoli, uccise connazionale accoltellandolo: confermato il fermo per 48enne

Napoli, uccise connazionale accoltellandolo: confermato il fermo per 48enne

Le accuse sono di omicidio aggravato


NAPOLI – Venerdì 9 aprile, in sede di udienza di convalida, il G.I.P. del Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Procura della Repubblica, ha convalidato il decreto di fermo emesso lo scorso mercoledì, disponendo la custodia cautelare in carcere nei confronti di un 48enne cittadino rumeno con precedenti di polizia, ritenuto responsabile di omicidio aggravato nei confronti di un connazionale.

Mercoledì pomeriggio gli agenti del Commissariato San Giovanni-Barra, su disposizione della Centrale Operativa, erano intervenuti in via Stefano Barbato per la segnalazione di una persona  accoltellata e, una volta sul posto, vi avevano trovato una persona deceduta a causa di diverse ferite da punta e taglio.

Gli operatori, grazie alle indicazioni fornite da alcuni amici della vittima e ad esito di una intensa attività d’indagine,  avevano raccolto elementi a carico  dell’uomo, che era stato  rintracciato in un casolare abbandonato vicino al luogo dei fatti.