Omicidio Gioia, l’avvocato di Elena rinuncia all’incarico: “Scelta professionale”

Omicidio Gioia, l’avvocato di Elena rinuncia all’incarico: “Scelta professionale”

La 18enne dovrà ricorrere a un altro avvocato di fiducia oppure a un difensore d’ufficio


AVELLINO – L’avvocato Innocenzo Massaro ha deciso di rinunciare all’incarico di difensore legale di Elena Gioia, 18 anni, accusata insieme al fidanzato Giovanni Limata, 23 anni, dell’omicidio di Aldo Gioia, padre della ragazza. Il motivo sarebbe una “scelta professionale”, motivo per il quale la 18enne è costretta a ricorrere ad un altro legale o a un difensore d’ufficio, così com’è stato per il 23enne.

I due giovani rischiano l’ergastolo, quest’oggi si terrà l’interrogatorio per la convalida del fermo da parte del giudice per le indagini preliminari. Sebbene i due abbiano ammesso le proprie colpe già poche ore dopo l’omicidio, i fatti non sono ancora del tutto chiari: Giovanni ha iniziato a puntare il dito contro la fidanzata, raccontando che il “piano” fosse stato messo a punto da lei; viceversa, lo zio della ragazza, e fratello della vittima, ha parlato di una ragazza “plagiata, forse manipolata”, con la madre che invece si è detta anche pronta a perdonarla. Ancora molte le cose da chiarire, da quanto è emerso dalle chat dei due ragazzi infatti il piano sarebbe dovuto essere molto più crudele di quanto siano riusciti a fare, l’obiettivo sarebbe stato quello di uccidere tutti i familiari conviventi della ragazza.

LEGGI ANCHE: Omicidio Gioia, Elena: “Non rimane nessuno, nemmeno mia sorella”. La chat prima del delitto