Prete sorpreso a rubare al supermercato, bloccato alle casse e identificato

Prete sorpreso a rubare al supermercato, bloccato alle casse e identificato

Ulteriori verifiche saranno condotte sulla sua professione sacerdotale


MANIAGO, FRIULI – Protagonista dell’illecito è stato un sacerdote di fede ortodossa, cittadino romeno, di 44 anni, che ieri pomeriggio è stato sorpreso in un supermercato di Maniago in Friuli con addosso delle confezioni di integratori alimentari che si era scordato di appoggiare sul rullo della cassa. In realtà, da giorni il solerte personale dell’A&O lo stava tenendo d’occhio avendo peraltro notato, grazie alle telecamere della videosorveglianza interna ed esterna, che aveva già sottratto degli altri oggetti, sempre di valore economico marginale.

«La nostra preoccupazione – ha fatto sapere la direttrice del punto vendita, sporgendo denuncia ai Carabinieri – era che non si trattasse realmente di un prete, ma che potesse affiancare al vizietto del furto anche qualche altro reato patrimoniale».

Il timore degli addetti era che sfruttando l’abito talare – che si pensava fosse un travestimento – potesse fermare dei passanti millantando qualche buona causa e raccogliendo del denaro. Invece quel vestito nero e il tradizionale collarino bianco appartenevano proprio al sacerdote, che in queste settimane è ospite in Friuli da congiunti.

Il blitz è scattato quando l’uomo ha superato la zona delle casse con in tasca la refurtiva, del valore di pochi euro. Gli addetti gli hanno intimato di fermarsi e l’uomo non ha opposto resistenza anche perché nel parcheggio del supermercato era già giunta l’auto dei Carabinieri, prontamente allertata, per procedere con l’identificazione. Prima ancora che i militari dell’Arma gli chiedessero di seguirlo in stazione, il prete si è assunto ogni responsabilità e si è detto disponibile a saldare la merce.

La responsabile del punto vendita non ha tuttavia potuto esimersi dallo sporgere denuncia anche perché c’erano gli altri episodi sospetti. Terminati gli accertamenti e ricevuta la denuncia a piede libero, l’uomo è tornato dai congiunti. Ulteriori verifiche saranno condotte sulla sua professione sacerdotale.

Fonte: Il Mattino