Priorità ai vaccini per commessi e commesse, Conad: “Rischiano di più, bisogna proteggerli”

Priorità ai vaccini per commessi e commesse, Conad: “Rischiano di più, bisogna proteggerli”

Le parole dell’amministratore delegato: “Dovrebbero essere considerati alla stregua delle forze dell’ordine e del personale della scuola”


ITALIA – “La distribuzione ha garantito alti standard di servizio durante la pandemia. Adesso che è arrivata l’ora di vaccinarsi, però, si trascurano le nostre cassiere. I dipendenti che lavorano in punti vendita dove entrano 1.200-1.500 persone al giorno credo rischino più di un avvocato. Categoria che pure ha avuto la precedenza in alcune Regioni”, queste le parole che l’amministratore delegato di Conad, Francesco Pugliese, ha rilasciato a “Il Corriere della Sera“.

Perchè le commesse dovrebbero avere la precedenza?

“Sia chiaro, io sono d’accordo sul fatto che gli anziani vadano vaccinati per primi è che l’ordine anagrafico sia il punto di riferimento principale. Ma nello stesso tempo commesse e commessi dovrebbero essere considerati alla stregua delle forze dell’ordine e del personale della scuola”.

Perché?

“Conad dà lavoro a 65 mila persone. A Codogno durante il primo lockdown c’era solo uno dei nostri punti vendita aperto. Là come altrove commessi e commesse hanno garantito servizi e serenità. Poi bisogna riconoscere che il livello di rischio a cui sono sottoposti è maggiore di altre categorie”, ha aggiunto Pugliese.