Vergogna nell’aversano, ragazza positiva al Covid insultata e minacciata dai vicini

Vergogna nell’aversano, ragazza positiva al Covid insultata e minacciata dai vicini

Il Sindaco: “Avere il Covid non deve essere ne una vergogna ne deve essere motivo di discriminazione”


CESA – Vergogna a Cesa dove una donna è stata insultata e minacciata dai suoi vicini perchè positiva al Covid. A darne notizia, il Sindaco Enzo Guida che ha invitato tutti a “restare umani ed essere civili” in quanto il Covid non è una colpa.

IL PRIMO CITTADINO

“Mi è stato segnalato un episodio brutto ed increscioso. Avere il Covid non deve essere ne una vergogna ne deve essere motivo di discriminazione. Una nostra concittadina, positiva al Virus, secondo quel che mi hanno segnalato i familiari, è stata insultata e minacciata dai suoi vicini. Dobbiamo restare umani, dobbiamo essere civili. Contrarre il Covid non è una colpa, soprattutto quando questa infezione ha assunto i caratteri della diffusione mondiale. Mi auguro che ciò non accada più, ma soprattutto si comprenda che dobbiamo dare una mano a chi soffre, chi sta combattendo una battaglia difficile, contro un nemico invisibile e subdolo. Deve vincere l’intelligenza e non la paura”.