Coprifuoco, matrimoni, palestre, ristoranti: cosa cambierà con il nuovo decreto riaperture

Coprifuoco, matrimoni, palestre, ristoranti: cosa cambierà con il nuovo decreto riaperture

Tutte le novità al termine della riunione della Cabina di regia del Governo


ITALIA – Nella giornata di ieri si è riunita la Cabina di regia del Governo. Si è discusso delle nuove riaperture, della possibilità di far ripartire, seppur a gradi, le attività sulle quali vige ancora oggi uno stop totale o parziale.

La prima novità riguarderà il coprifuoco visto che, in zona gialla, l’obbligo di rientrare a casa slitterà dalle 22 alle 23 probabilmente già da domani. Lo stesso obbligo verrà “spinto” alle 24 dal 7 giugno per poi essere abolito, se la curva epidemiologica lo permetterà, dal 21 giugno.

Nel prossimo weekend dovrebbero poi riaprire gli esercizi commerciali all’interno dei centri commerciali mentre, dal giorno 24 maggio, sarà la volta delle palestre.

Dal 1 giugno via libera ai ristoranti anche al chiuso con il consumo al tavolo dalle 5 alle 18 e a tutte le competizioni sportive. Per le stesse prevista anche la presenza di pubblico nella misura del 25% della capienza e comunque mai oltre le 1000 persone all’aperto e le 500 al chiuso.

Altro spartiacque il 15 giugno: riapriranno i parchi tematici e di divertimento e saranno permesse anche le feste, anche per i matrimoni. Per questi previsto il certificato di vaccinazione o il tampone negativo. Per piscine al chiuso, centri benessere, centri ricreativi e culturali, ma anche sale giochi, sale scommesse e bingo bisognerà attendere il 1 luglio. Restano invece ancora chiuse le discoteche.