Coronavirus, domani in arrivo 215 mila dosi Pzifer in Campania

Coronavirus, domani in arrivo 215 mila dosi Pzifer in Campania

CAMPANIA – Da mercoledì è previsto l’arrivo in Campania di 215 mila dosi di Pfizer. Lo annuncia Ugo Trama, componente dell’Unità di


Prime vaccinazioni anticovid in Campania all’ospedale del mare di Napoli. La spilla regalata a chi si è vaccinato nella giornata europea dedicata ai vaccini. Napoli Napoli 27 Dicembre 2020 ANSA/CESARE ABBATE/

CAMPANIA – Da mercoledì è previsto l’arrivo in Campania di 215 mila dosi di Pfizer. Lo annuncia Ugo Trama, componente dell’Unità di crisi della Regione Campania. In seguito all’arrivo di vaccini riapriranno – con ogni probabilità – gli hubs di Capodichino e della Mostra d’Oltremare di Napoli.

“E’ un numero ancora insufficiente – spiega – ma a Pfizer si aggiungono anche 35 mila dosi di Moderna in arrivo dopo qualche giorno. Infine, dosi di Johnson and  Johnson, ma in quantità limitata, che stiamo usando per le persone da intercettare una sola volta in quanto è un vaccino monodose. Lo stiamo usando, ad esempio, negli istituti penitenziari e saranno quelli che andranno alle farmacie, dove prevediamo di iniziare tra fine maggio e inizio giugno”.

“Sono numeri non ancora rassicuranti rispetto all’obiettivo che ci siamo dati, però la struttura commissariale ha assicurato l’arrivo di 100 mila dosi aggiuntive in Campania per superare la sperequazione. Queste 100 mila dosi – ha sottolineato trama – arriveranno nel mese di maggio ma con una fornitura settimanale, quindi non arriveranno con una sola fornitura tutti insieme”.

“Non ridimensioniamo il nostro target, sarebbe un fallimento dell’Italia. Con le dosi aggiuntive che stanno contrattualizzando, come riferito dalla struttura commissariale, per giugno il target che noi ci siamo posti e abbiamo comunicato è di 60mila somministrazioni al giorno. Arrivare a 60-70 mila con le dosi di vaccino necessarie, grazie all’organizzazione che ci siamo dati, diventa facile”. Lo ha annunciato Ugo Trama,

“Ci aspettiamo i vaccini a “mrna messaggero” (cioè Pfizer e Moderna, ndr) che, tra l’altro, sono i vaccini contrattualizzati maggiormente in Europa. Con l’aumento delle dosi di Pfizer abbiamo la tranquillità di poter lavorare rispettando gli standard”.