Giugliano, la “piantumazione”: progetto di inclusione per persone speciali al 22° GrRAM di Licola

Giugliano, la “piantumazione”: progetto di inclusione per persone speciali al 22° GrRAM di Licola

Il sindaco Pirozzi con il comandante Tancredi: “Potremmo fare qui il primo consiglio comunale in fascia costiera”


GIUGLIANO – Si è svolta stamattina presso il 22° Gruppo Radar dell’Aeronautica Militare di Licola l’iniziativa “Anche i fiori sanno volare”, progetto nato dalla collaborazione tra l’ONLUS Associazione Oltre Le Mura – Associazione Culturale Orchidea, che assiste bambini con disabilità, e l’Aeronautica Militare. I bambini dell’Associazione ed i loro familiari sono stati accolti dal Comandante del 22° Gr.R.A.M., Ten.Col. Maurizio Tancredi, che assieme a una rappresentanza del Gruppo Radar li ha guidati all’interno della base. 

I bambini, protagonisti assoluti dell’evento, si sono adoperati in svariate attività, a partire dalla piantumazione di fiori e alberelli fino al volo finale dei palloncini: un momento di condivisione per dare la possibilità a ragazzi con varie disabilità di entrare in contatto con la natura. 

L’impulso per l’organizzazione dell’evento è scaturito dalla collaborazione avviata nel tempo fra il 22°Gr.R.A.M. di Licola e la stessa ONLUS, che negli anni precedenti hanno realizzato insieme importanti sinergie che hanno permesso ai bambini la fruizione e l’accesso alle strutture della stessa amministrazione con finalità di protezione sociale come, ad esempio, la spiaggia dell’Aeronautica Militare ubicata presso il sedime marittimo di Varcaturo.

Al progetto hanno partecipato anche rappresentanti dell’amministrazione comunale di Giugliano in Campania: il sindaco dott. Nicola Pirozzi ed alcuni consiglieri comunali. L’evento, che si è tenuto nel pieno rispetto delle normative anti-Covid, è stata un’occasione ricreativa che ha permesso ai presenti il consolidamento dei rapporti di collaborazione, in linea con lo spirito d’integrazione tra amministrazione difesa e territorio. Nessuna barriera, tanti sorrisi e certamente una giornata da ricordare per tutti i partecipanti, trasformatasi in un ideale “ponte virtuoso” utile al processo di integrazione tra disabilità e servizio.

COMUNICATO STAMPA