Grillo jr ed il presunto abuso sessuale, spunta la chat: “In 3 vs 1, è uscita zoppicando”

Grillo jr ed il presunto abuso sessuale, spunta la chat: “In 3 vs 1, è uscita zoppicando”

“Eravamo ubriachi marci, non me le faccio scappare queste occasioni”


SARDEGNA – Emergono nuovi dettagli sul presunto stupro consumato in una villa in Sardegna dal figlio di Grillo ai danni di una giovane. A poche ore dall’atto avvenuto nell’estate dl 2019, uno dei componenti della banda, attraverso una chat, si vantava con un amico dei rapporti di gruppo, spiegando che la ragazza era uscita “zoppicando” da quegli incontri. Soprattutto: spiegava che quella notte c’era “il cameraman” e che avevano fatto “4 video facili facili”, all’insaputa della vittima come poi rivelato da loro stessi davanti ai magistrati e ai carabinieri che li hanno interrogati.

I ragazzi accusati, secondo la procura di Tempio Pausania, della violenza di gruppo avvenuta a casa del figlio di Beppe Grillo hanno appena accompagnato ad Arzachena le due ragazze vittime degli abusi, Silvia e Roberta. Il tempo di restare da soli in macchina e cominciano a raccontare agli amici della chat della loro “notte brava”.

Le chat di Grill jr & c.

Più volte ricorre quel “3 vs 1”. Seguono particolari che inducono un amico a scrivere: “Poveraccia”. L’altro però intuisce che qualcosa non fosse andato per il verso giusto: in una delle discussioni, infatti, descrive la ragazza come fortemente provata dopo quella notte. “All’inizio non sembrava che volesse”. Leggendo le chat gli inquirenti hanno saputo che erano quattro — non uno — i video girati durante quello che per i giovani si è trattato di sesso consenziente, per la vittima una violenza brutale. Il 31 luglio risulta una chat fra Ciro jr e Edoardo Capitta. Oh, mi mandi quei video? Quelli” chiede Ciro. “Ahaha. Perché li vuoi? Non li mando a nessuno Cì, dai”. “Li voglio far vedere a(cita due nomi, ndr) e agli altri. Vabbé come vuoi”.

“Ubriaco marcio, ma 3 vs 1 stanotte”
Capitta – prosegue il Corriere – è il più attivo di tutti con il telefonino. Sul suo smartphone, evidenzia la Procura di Tempio Pausania, sarebbero stati trovati foto, video e quant’altro. “No, non puoi capire”, scrive. “Cosa?” chiede l’altro. “No… 3 vs1 stanotte, lascia stare». “Spiega meglio” insiste l’amico. “No, no, sì, poi ti farò vedere”. “Ma con una tipa?”. “Ma no, guarda… ero ubriaco marcio. Frate te lo giuro”. “Ma chi eravate? Te, Corsi e Ciro?”. Risposta: “3 vs 1 , ovvio. Ma io veramente alle dieci del mattino ero ubriaco marcio… bevuto beverone alle nove”. “Chi era questa?”. “Ma che ne so…”. Comunque — risponde Capitta — c’era il cameramen. Sai che non me le faccio scappare ’ste occasioni. 4 video facili…”.