Napoli, vaccini in farmacia: ecco la data di prenotazione

Napoli, vaccini in farmacia: ecco la data di prenotazione

Ad aprile è stata firmata l’intesa tra la Regione Campania e le associazioni di categoria per attivare questa procedura e possono partecipare le farmacie sia pubbliche sia private


NAPOLI –  A giugno anche le farmacie potranno somministrare i vaccini anti-Covid19 e, quindi, potranno partire le adesioni per prenotare la propria vaccinazione in una delle farmacie che hanno aderito a Napoli e nel resto della Campania. Ad aprile è stata firmata l’intesa tra la Regione Campania e le associazioni di categoria per attivare questa procedura e possono partecipare le farmacie sia pubbliche sia private. La partenza è a giugno, come detto, ma alcune farmacie di Napoli hanno già iniziato a dare la possibilità di prenotarsi a fine maggio. In totale, tra la nostra città e tutta la Regione sono oltre 500 le farmacie che hanno deciso di partecipare.

IL CORSO DI FORMAZIONE PER FARMACISTTI

Per poter essere parte attiva del piano vaccinale e somministrare le dosi, i farmacisti devono preventivamente partecipare ad un corso obbligatorio di formazione organizzato dall’Istituto Superiore di Sanità, che rilascia un attestato che certifica l’idoneità a poter vaccinare. Inoltre, ogni farmacia potrà chiedere un tot di dosi ogni settimana, in base alle necessità.

QUANDO PARTONO IN VACCINI IN FARMACIA E CON QUALE VACCINO

Secondo quanto comunicato dal Presidente dell’Ordine dei Farmacisti di Napoli, Vincenzo Santagada, non c’è ancora una data ufficiale, ma il tutto dovrebbe partire nei primi giorni di giugno, probabilmente, dal 4, anche se alcune farmacie già sono riuscite ad attrezzarsi. Il vaccino somministrato sarà Johnons & Johnson che prevede una sola dose ed è più semplice da conservare.

CHI PUO’ PRENOTARE E COME

La registrazione si potrà effettuare tramite l’applicazione Sinfonia della Regione Campania, ma successivamente ci si potrà registrare direttamente in farmacia. Le vaccinazioni avverranno secondo i criteri del Governo e per fasce d’età, anche se dal 3 giugno le adesioni saranno aperte a tutti e cadranno anche criteri d’età. Non potranno prenotare i soggetti fragili, gli over 80 e chi ha avuto reazioni allergiche nell’ultimo periodo dopo l’assunzione di farmaci o altre sostanze. Saranno vaccinati i soggetti sani tra i 18 e i 59 anni, ma gli accordi evolveranno in base alle decisioni dell’EMA e dell’AIFA dato che potrebbero essere inseriti anche i ragazzi tra i 12 e i 15 anni.