Omicidio Vincenzo Ruggiero, confermato l’ergastolo per Ciro Guarente

Omicidio Vincenzo Ruggiero, confermato l’ergastolo per Ciro Guarente

ROMA – E’ stata appena confermata la condanna all’ergastolo nei confronti di Ciro Guarente, l’assassino di Vincenzo Ruggiero, il ragazzo di 25


ROMA – E’ stata appena confermata la condanna all’ergastolo nei confronti di Ciro Guarente, l’assassino di Vincenzo Ruggiero, il ragazzo di 25 anni, ucciso e fatto a pezzi nel luglio 2017, in un garage di Ponticelli. Nell’ultimo grado di Giudizio, la Corte di Cassazione ha confermato l’ergastolo per Guarente.

LA RICOSTRUZIONE

Secondo le ricostruzioni la sera del 7 luglio, Guarente si presentò a casa di Ruggiero ad Aversa – il quale era ospite della sua ex fidanzata Heven Grimaldi –  e lo freddò a colpi di pistola.  Fece il corpo a pezzi, lo trasportò in auto e lo cosparse di acido  e cemento, nascondendo i resti in un box  nel quartiere Ponticelli. Il movente è passionale: Guarente era accecato di gelosia. Credeva ci fosse qualcosa in più di una semplice amicizia tra tra Heven – sua ex compagna – e Vincenzo. Alcune parti del corpo del giovane Vincenzo furono trovate cementate nel garage, ma di alcuni frammenti di testa e braccio non sono state ancora scoperte.