Pagamenti maggio 2021 Inps, bonus e pensioni: il calendario delle erogazioni

Pagamenti maggio 2021 Inps, bonus e pensioni: il calendario delle erogazioni

Con il mese di maggio è arrivato il nuovo calendario dei pagamenti INPS


ITALIA – Anche per il mese di maggio 2021 ai contribuenti interessati spetteranno numerosi pagamenti dall’INPS. I pagamenti sono previsti dal 10 maggio in poi con il pagamento della NaspI, indennità di disoccupazione. A seguire il 15 saranno distribuiti il Reddito di Cittadinanza e la Pensione di Cittadinanza a coloro a cui spetta la prima mensilità, mentre il 27 maggio le due misure a sostegno del reddito andranno a chi ne ha già beneficiato in passato. Il 15 maggio partiranno gli accrediti del Reddito di Emergenza, il 18 del mese sarà il turno dell’erogazione del Bonus Bebè per i neogenitori e il 23 maggio sarà erogato il Bonus Irpef da 100 euro. Per quanto riguarda il pagamento anticipato delle pensioni di giugno 2021, metodo addotato fin dall’inizio della pandemia, la Protezione Civile, INPS e Poste Italiane non hanno ancora rilasciato nessuna conferma. Ma andiamo a esaminare meglio questi appuntamenti da segnare sul calendario.

NASpI DI APRILE A PARTIRE DAL 10 MAGGIO

La NASpI, l’indennità mensile di disoccupazione che viene erogata ai lavoratori dipendenti che hanno perso involontariamente il lavoro, viene accreditata dall’Istituto a partire dal 10 maggio 2021. Tuttavia, l’esatta data di erogazione assegnata a ciascuno dei beneficiari può essere consultata sul fascicolo previdenziale persanale disponibile sul sito dell’INPS. Anche per la mensilità di maggio, come previsto dall’ultimo Decreto Sostegni, il sussidio di disoccupazione sarà concesso a prescindere dal requisito dei 30 giorni di effettivo impiego nei 12 mesi che precedono l’inizio del periodo di disoccupazione.

REDDITO DI EMERGENZA DAL 15 MAGGIO

Il Reddito di Emergenza, destinato a chi si è trovato in gravi difficoltà economiche durante la pandemia ma non ha accesso al Reddito di Cittadinanza, è stato prorogato dall’ultimo Decreto Sostegni per i mesi di marzo, aprile e maggio 2021. In prima battuta, era stato stabilito che le famiglie che lo richiedevano per la prima volta avrebbero dovuto presentare la domanda all’INPS entro il 30 aprile 2021. L’Istituto però ha prorogato la data di scadenza al 31 maggio 2021. Tuttavia, i nuclei familiari che avevano inoltrato al richiesta entro lo scorso 30 aprile cominceranno a riceverlo a partire dal prossimo 15 maggio.

REDDITO E PENSIONE DI CITTADINANZA IL 15 e 27 MAGGIO 

Come ogni mese, il Reddito di cittadinanza e la Pensione di Cittadinanza saranno accreditati a partire dal 15 maggio a coloro a cui spetta la prima mensilità (e che hanno fatto domanda entro lo scorso 28 aprile). I neobeneficiari dovranno ritirare la propria carta RDC presso uno sportello postale: su questo strumento verrà poi caricata la somma spettante. Chi, invece, ha già beneficiato in precedenza di queste due misure a sostegno del reddito, le riceverà a partire dal 27 maggio. Bisogna ricordare, però che il Decreto Sostegni ha previsto la sospensione del Reddito di Cittadinanza per chi trova lavoro per una durata di sei mesi, allo scopo di incentivare l’occupazione.

BONUS BEBE’ DI APRILE 18 MAGGIO

Il Bonus Bebè del mese di aprile sarà accreditato dall’INPS ai neogenitori che ne hanno fatto richiesta a partire dal 18 maggio. Per conoscere la data esatta dell’erogazione, gli interessati dovranno consultare il proprio fascicolo previdenziale sul sito dell’Istituto. Si ricorda che il Bonus Bebè viene erogato per ogni figlio nato, adottato o in affido preadottivo e ha durata di un anno dal parto o dall’adozione e il suo importo va dagli 80 ai 160 euro mensili (in base all’ISEE complessivo del nucleo familiare).

NUOVO BONUS IRPEF (EX BONUS RENZI) A PARTIRE DAL 23 MAGGIO

Il Bonus Irpef (ex Bonus Renzi) verrà accreditato automaticamente a coloro che hanno i requisiti richiesti a partire dal 23 maggio. Si tratta di un assegno di 100 euro mensili per i lavoratori dipendenti e assimilati con un reddito inferiore ai 28mila euro, i disoccupati con NASpI e coloro che già ricevono altre prestazioni economiche a sostegno del reddito, come l’indennità di maternità, l’indennità di tirocini e la cassa integrazione. Per riceverlo non è necessario presentare alcuna domanda: i lavoratori dipendenti lo riceveranno direttamente in busta paga, mentre l’INPS lo erogherà sul conto corrente dei titolari di NASpI.

PENSIONI ANTICIPATE DI GIUGNO ANCORA IN VIA DI APPROVAZIONE

Fin dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, la Protezione Civile, l’INPS e Poste Italiane hanno predisposto ogni mese il ritiro anticipato delle pensioni in contanti agli sportelli postali allo scopo di non favorire gli assembramenti dei soggetti fragili.  Tuttavia, per quanto riguarda i trattamenti previdenziali del mese di giugno, non è ancora stata rilasciata nessuna conferma di un possibile ritiro anticipato. La probabile proroga di questa modalità emergenziale verrà comunicata nei prossimi giorni.