Paura a Napoli: gambizzato un fruttivendolo a colpi d’arma da fuoco

Paura a Napoli: gambizzato un fruttivendolo a colpi d’arma da fuoco

Immediata la corsa al pronto soccorso. Gli inquirenti seguono diverse piste, prima fra tutte quella del racket


NAPOLI – Spari all’alba nel quartiere fuorigrotta a Napoli. Poco dopo le sei di questa mattina, infatti, come riporta ilriformista.it,  un fruttivendolo di 60 anni è stato ferito da un colpo d’arma da fuoco alla gamba. Un raid intimidatorio avvenuto in via Metastasio dove l’uomo stava iniziando la sua giornata lavorativa.

Secondo quanto ricostruito dalla polizia, a sparare sarebbe stato un uomo solitario in sella a uno scooter con il volto travisato. La vittima è stata subito soccorsa è trasportata al vicino ospedale San Paolo di via Terracina. Le sue condizioni non sono gravi. Il fruttivendolo è stato assistito dal personale sanitario e a breve verrà ascoltato dagli agenti del commissariato San Paolo per ricostruire quanto accaduto.

Gli inquirenti seguono varie piste, una di queste è relativa al racket. Il ferimento del fruttivendolo è avvenuto ad  appena pochi giorni dagli spari registrati tra via Leopardi e via Marino, quando venerdì scorso, 30 aprile, due scooter con in sella quattro uomini seminarono il panico tra le via del quartiere in un orario, poco dopo le 16, dove in strada erano presenti numerose persone, in quella che fu una classica “stesa” di camorra.