Strage in Russia, sparatoria in una scuola: 11 morti e 32 feriti tra bambini e docenti, arrestato un 17enne

Strage in Russia, sparatoria in una scuola: 11 morti e 32 feriti tra bambini e docenti, arrestato un 17enne

Un secondo assalitore ha tenuto in ostaggio diverse persone ed è stato ucciso dalle forze dell’ordine


RUSSIA – Una sparatoria è avvenuta in una scuola di Kazan, città della Russia centrale. Secondo i servizi di soccorso locali, citati dall’agenzia Novosti, ci sarebbero undici morti e molte persone sono ricoverate in ospedale: lo riferiscono i servizi di emergenza locali citati dall’agenzia Ria Novosti. Nella scuola ci sarebbe stata anche un’esplosione.

Secondo altre fonti citate da Interfax, la polizia avrebbe fermato un adolescente di 17 anni poco dopo la sparatoria, di lui in rete ci sono alcune immagini, legato dalla polizia all’interno dell’istituto e poi arrestato. Un secondo assalitore che ha aperto il fuoco nella scuola di Kazan era intanto ancora nell’edificio.

È stato “isolato” al quarto piano della scuola di Kazan dove era in corso un’operazione delle forze di polizia, ma il tentativo di arrestarlo era stato complicato dal fatto che l’assalitore abbia tenuto in ostaggio diverse persone. Per tanto è stato ucciso dalle forze dell’ordine: lo sostiene una fonte citata dalla Tass.

Diversi alunni sono saltati fuori dalle finestre del terzo piano della scuola numero 175 nella città di Kazan dopo che gli aggressori hanno aperto il fuoco all’interno dell’edificio, presumibilmente nel tentativo di sfuggire a qualcuno che li stava inseguendo. Al momento il bilancio della strage parla di undici morti e 32 feriti.