Bimbo di 8 mesi mangia omogenizzato scaduto da due anni: corsa in ospedale

Bimbo di 8 mesi mangia omogenizzato scaduto da due anni: corsa in ospedale

I genitori sono corsi in ospedale dove il piccolo è stato immediatamente visitato dai medici che gli hanno somministrato dei medicinali


TRENTO – Un bambino di Trento di 8 anni, dopo aver mangiato un omogenizzato scaduto da 2 anni acquistato il 9 giugno scorso in un supermercato della città, ha iniziato a piangere, vomitare e ed ha manifestato segni di dissenteria. I genitori, come riportato da Il Mattino, sono corsi in ospedale dove il piccolo è stato immediatamente visitato dai medici che gli hanno somministrato dei medicinali.  Oggi, a distanza di quasi 10 giorni, il bambino presenta ancora delle alterazioni del sonno, disturbi e disidratazione. Successivamente si è scoperto che il prodotto era scaduto a luglio del 2019, quasi due anni prima.

LA DENUCIA   

Adesso si valuta una denuncia per la vendita di alimenti scaduti. L’avvocato della famiglia ha chiarito che la madre del bambino aveva comprato una dozzina di confezioni dell’omogenizzato senza controllare la data di scadenza: “Che fosse scaduto, è emerso quando il bimbo è stato male”. L’avvocato ha infine concluso: “La prima cosa era importante far star bene il piccolo, ma a breve verranno formalizzati gli atti”.