Campania, la tragedia: muore a soli 20 anni ex promessa di Milan e Benevento

Campania, la tragedia: muore a soli 20 anni ex promessa di Milan e Benevento

Il giovane, adottato da una famiglia campana, è stato trovato senza vita all’interno della sua abitazione


NOCERA INFERIORE/SARNO (SA) – Morire a soli venti anni. Seid Visin è stato trovato senza vita all’interno della sua abitazione. Era una giovane promessa del calcio etiope. Trasferitosi in Italia da bambino, ha vissuto per alcuni anni a Nocera Inferiore, la città dei suoi genitori adottivi, per poi trasferirsi a Milano e cercare di sfondare nel grande calcio. Prima del 2016-2017, il suo ultimo anno di attività a livello agonistico, Seid, che avrebbe compiuto 21 anni a breve, ha infatti vestito le maglie di Milan e Benevento, mettendosi in mostra nei settori giovanili dei due club. In ritiro, in quel periodo, condivideva la stanza con il quasi coetaneo Donnarumma.

CALCIO A 5

La voglia di tornare a casa l’ha riportato a Benevento nel 2016, prima che Seid dicesse definitivamente addio al calcio professionistico per tornare a divertirsi in una squadra di calcio a cinque, l’Atletico Vitalica. Proprio il club campano ha salutato Seid con un post sui canali social della squadra. Proprio nella sua casa di Nocera Inferiore è stato ritrovato senza vita.

FONTE: GAZZETTA.IT

Questo il post d’addio della pagina Facebook dell’Atletico Vitalica, la formazione di Calcio a 5 di Sarno, nel salernitano, dove il giovane giocava:

“E’ con questo pensiero del nostro dirigente Antonio Francese che salutiamo il nostro Seid. Il presidente Nello Gaito, i componenti della società, lo staff tecnico ed i calcettisti abbracciano la famiglia e dicono “ciao” al giovane talento: “Il tuo sorriso, il tuo indiscusso talento, la tua naturale e straordinaria predisposizione a dare del “tu” alla palla restano impressi nella nostra mente.

Nel cuore porteremo per sempre la tua discrezione e la reffrattareità a vedere il calcio come fonte di guadagno.
Decubertiano nell’animo, hai fatto della partecipazione l’unica vera vittoria ricercata e la compagnia l’unico compenso di cui avevi bisogno.
Oggi vai via, come sei arrivato: lasciandoci attoniti, senza parole.
Sei e resterai nella storia di ciascuno di noi, perché eterni sono i legami di chi vuol bene senza chieder nulla in cambio.
La bandiera dell’Atletico Vitalica oggi, più che mai, è ammainata.
Lanciamo idealmente un pallone al cielo, se non torna indietro, sappiamo chi ce lo avrà nascosto ancora una volta.
A-DIO Seid, talento enorme dal cuore fragile”.