Caso Pipitone, vicini alla svolta: “Ho tante cose da dire. I bambini non si toccano”

Caso Pipitone, vicini alla svolta: “Ho tante cose da dire. I bambini non si toccano”

Una nuova lettera, questa volta non anonima, sarebbe al vagli degli inquirenti


MAZARA DEL VALLO – Novità sul caso di Denise Pipitone. La svolta era stata annunciata da Milo Infante, la sua squadra sarebbe tornata a lavoro per dare informazioni a chi cerca la verità su questa vicenda.

Questo pomeriggio, nella prima puntata speciale di Ore 14, il conduttore ha annunciato che in procura, tra le mani di chi indaga, c sarebbe una lettera. Questa volta non è anonima, ma di una missiva con un nome e un cognome. La persona che ha scritto, spiega che non ha nessuna intenzione di essere definito un collaboratore di giustizia ma che vuole parlare, perché quando ci sono di mezzo i bambini bisogna farlo. “I bambini non si toccano”, scrive questa persona nella lettera mostrata nel programma di Rai 2 in diretta oggi.

“Ho frequentato molto Claudio Corona e lo ribadisco non sarò mai un collaboratore di giustizia, ha dichiarato e che quindi non vuole essere definita in nessun modo un “infame” come qualcuno potrebbe definire in Sicilia chi collabora con le forze dell’ordine. Secondo Infante, chi ha scritto racconta molte cose che, per il bene delle indagini, non possono essere divulgate.

“Ho tante cose da dire per tutelare me e la mia famiglia e forse finalmente scoprire la verità su qualche informazione su Denise. Io voglio la verità su Denise. Donne e bambini non si toccano” aggiunge il testimone in un altro passaggio della lettera.

Claudio Corona, fratello di Anna Corona, l’ex moglie di Pietro Pulizzi, non è mai stato indagato. Ma non è la prima volta che il suo nome si associa al caso di Denise Pipitone.