Caso Saman, estradato il cugino della 18enne: è arrivato in Italia ed è rinchiuso in carcere

Caso Saman, estradato il cugino della 18enne: è arrivato in Italia ed è rinchiuso in carcere

L’uomo è accusato di aver ammazzato la 18enne pakistana e di aver occultato il cadavere


REGGIO EMILIA – Ikram Ijaz, uno dei cugini di Saman Abbas, la 18enne pachistana svanita nel nulla da oltre un mese dopo essersi opposta ad un matrimonio combinato dai genitori, è stato estradato. Le indagini avevano portato all’arresto dell’uomo nei giorni scorsi, a Nimes in Francia, perché indagato per omicidio e occultamento di cadavere.

Oggi è stato consegnato all’Italia. Alla frontiera di Ventimiglia è stato preso in custodia dai carabinieri di Reggio Emilia che lo lo hanno condotto in carcere. Adesso l’uomo verrà messo a disposizione della magistratura. Gli inquirenti ritengono che la ragazza sia stata ammazzata e che il cadavere sia stato occultato. Il cugino era stato arrestato il 29 maggio scorso dalla polizia transalpina su mandato di arresto europeo spiccato dal tribunale di Reggio Emilia su richiesta della Procura