Giugliano, rogo in mattinata. Roberto minacciato dagli operai: “Se denunci passi un guaio”

Giugliano, rogo in mattinata. Roberto minacciato dagli operai: “Se denunci passi un guaio”

Per spegnere le fiamme è stato necessario l’intervento di ben due autobotti dei Vigili del Fuoco


GIUGLIANO – Un grosso incendio di sterpaglie, plastica ed altro materiale quello che è stato spento questa mattina dai Vigili del Fuoco a Casacelle. Erano le ore 8:30 circa del mattino quando una nube di fumo tossico ha iniziato ad espandersi nel cielo e con il suo odore acre ha svegliato i residenti. A fuoco, come detto, sterpaglie, plastica, ed anche il telaio di una vettura probabilmente rubata. Il tutto in mezzo a campi coltivati di fragole e melanzane, tutta roba destinata al mercato.

Ad accorgersene, Roberto che vedendo quanto stava accadendo, ha immediatamente allertato i Vigili del Fuoco ed i Carabinieri e poi si è precipitato sul posto per far sì che le fiamme venissero spente. Arrivato in zona, Roberto ha intimato ai responsabili di spegnere immediatamente le fiamme ma è stato minacciato dai lavoratori presenti e dal presunto proprietario terriero.

IL RACCONTO DI ROBERTO

“Questa mattina vedendo il fumo inquinare tutto l’ambiente circostante, ho immediatamente allertato le forze dell’ordine e mi sono precipitato sul posto per intimare di spegnere le fiamme.  Arrivato sul posto ho iniziato a registrare video col mio telefono fino a quando alcuni operai del campo agricolo, tutti di nazionalità dell’est Europa, armati di pale, hanno iniziato a minacciarmi”.

Smettila di registrare o ti picchiamo“, “Se vai dai Carabinieri a denunciare, ti facciamo passare un guaio, tu non sai chi siamo noi“; queste le minacce rivolte a Luigi che nel frattempo registrava quanto stava avvenendo.

Dopo pochi minuti dall’arrivo di Roberto, sul posto sarebbe arrivato anche colui che, secondo quanto afferma il nostro lettore, sarebbe dovuto essere il proprietario del fondo. Anche lui ha iniziato a minacciare ed a cercare di far smettere di registrare.

Per spegnere le fiamme ci sono volute ben due autobotti dei Vigili del Fuoco. Sul posto sono arrivati anche i Carabinieri che ora stanno indagando per assicurare alla giustizia i responsabili del rogo.

Roberto: “Questa storia deve finire, io ho bambini e non possono respirare ogni giorno questi veleni, adesso basta!”

IL VIDEO

https://www.facebook.com/IlMeridianoNews/videos/290277526166280