Giuseppe Conte chiude le porte a Grillo: “Non sono il suo prestanome”

Giuseppe Conte chiude le porte a Grillo: “Non sono il suo prestanome”

“Spetta a Beppe Grillo decidere se essere il genitore generoso che lascia crescere la sua creatura in autonomia o il genitore geloso”


ROMA – Al via, nella Sala del Tempio di Adriano in piazza di Pietra a Roma, la conferenza stampa di Giuseppe Conte. “Spetta a Beppe Grillo decidere se essere il genitore generoso che lascia crescere la sua creatura in autonomia o il genitore geloso. Io non potrei mai essere un prestanome. La leadership politica deve essere chiara e deve avere anche i pieni poteri della comunicazione”.

Non riesco a impegnarmi in un progetto in cui non credo, non posso  assumere una decisione solo con il cuore se poi la testa mi suggerisce che il  percorso è sbagliato”, dice l’ex capo del governo.

Seguiranno aggiornamenti