Napoli, uccise il fratello con 70 coltellate: Luca Materazzo condannato all’ergastolo

Napoli, uccise il fratello con 70 coltellate: Luca Materazzo condannato all’ergastolo

Arriva la sentenza definitiva della Corte di Cassazione in merito all’omicidio del 51enne Vittorio Materazzo nel 2016


NAPOLI – È arrivato il verdetto della Corte di Cassazione per l’omicidio di Vittorio Materazzo: il fratello Luca è stato definitivamente condannato all’ergastolo. Rigettata dunque ufficialmente la richiesta di una perizia psichiatrica chiesta dai legali del condannato.

L’omicidio avvenne in viale Maria Cristina di Savoia il 28 novembre del 2016. L’ingegnere, 51 anni, fu colpito da oltre settanta coltellate da Luca Materazzo, il più piccolo dei fratelli, che agì con rabbia e per motivi legati all’eredità del padre Lucio, morto qualche anno prima.

Avvenne tutto nell’androne del palazzo dove abitava, affrontato da un uomo con un giubbotto da motociclista, pantaloni larghi e un casco integrale. Luca fu indagato pochi giorni dopo. Poi, però, fece perdere le sue tracce salvo poi essere scovato e arrestato in Spagna dove aveva provato a cambiare vita.