Novara, sindacalista muore travolto da camion durante uno sciopero

Novara, sindacalista muore travolto da camion durante uno sciopero

E’ successo davanti ai cancelli del deposito territoriale della catena di supermercat


NOVARA – Adil Belakhdim, coordinatore interregionale del sindacato Si Cobas di 37 anni, due figli adolescenti, è morto questa mattina investito da un camion nel corso di una manifestazione dei lavoratori nell’area logistica di Biandrate, a pochi chilometri da Novara. Nel giorno dello sciopero nazionale del settore. E’ successo davanti ai cancelli del deposito territoriale della catena di supermercati Lidl in via Guido il Grande: il mezzo ha investito l’uomo durante una manovra e poi si è allontanato senza prestare soccorso. L’investitore, un uomo di origini campane, è stato rintracciato grazie alle immagini della videosorveglianza del magazzino e bloccato successivamente in un’area di servizio in autostrada dai carabinieri.

Stando a quanto hanno raccontato i lavoratori aderenti al Si Cobas, l’autista dopo una discussione con i manifestanti ha forzato il blocco della protesta per entrare nel magazzino “investendo i lavoratori, tra cui Adil”, e “lo ha trascinato per una ventina di metri. Non può non essersene accorto“. Il camion ha urtato e ferito anche altri due manifestanti che si trovano ora in ospedale ma non sono gravi. Le circostanze e la dinamica sono al vaglio delle forze dell’ordine.

Il coordinatore nazionale Si Cobas Aldo Milani ha ricordato che quanto è accaduto è “simile a quello che è avvenuta anni fa alla Gls di Piacenza. Un criminale autista non ha esitato a schiacciare l’acceleratore dell’automezzo schiacciando il nostro compagno. È stato operaio della Tnt, quando aveva scelto di tornare al suo paese per avviare una attività ho concordato io stesso un incentivo per l’uscita del magazzino di Peschiera Borromeo. Le cose non sono andate come erano state da lui programmate è tornato da noi in Italia e si è attivato nel SI Cobas. È lui che ha dato il suo impegno in quel di Novara e ha dato sviluppo a quel coordinamento provinciale”.

dil Belakhdim, coordinatore interregionale del sindacato Si Cobas di 37 anni, due figli adolescenti, è morto questa mattina investito da un camion nel corso di una manifestazione dei lavoratori nell’area logistica di Biandrate, a pochi chilometri da Novara. Nel giorno dello sciopero nazionale del settore. E’ successo davanti ai cancelli del deposito territoriale della catena di supermercati Lidl in via Guido il Grande: il mezzo ha investito l’uomo durante una manovra e poi si è allontanato senza prestare soccorso. L’investitore, un uomo di origini campane, è stato rintracciato grazie alle immagini della videosorveglianza del magazzino e bloccato successivamente in un’area di servizio in autostrada dai carabinieri.

Stando a quanto hanno raccontato i lavoratori aderenti al Si Cobas, l’autista dopo una discussione con i manifestanti ha forzato il blocco della protesta per entrare nel magazzino “investendo i lavoratori, tra cui Adil”, e “lo ha trascinato per una ventina di metri. Non può non essersene accorto“. Il camion ha urtato e ferito anche altri due manifestanti che si trovano ora in ospedale ma non sono gravi. Le circostanze e la dinamica sono al vaglio delle forze dell’ordine.

Il coordinatore nazionale Si Cobas Aldo Milani ha ricordato che quanto è accaduto è “simile a quello che è avvenuta anni fa alla Gls di Piacenza. Un criminale autista non ha esitato a schiacciare l’acceleratore dell’automezzo schiacciando il nostro compagno. È stato operaio della Tnt, quando aveva scelto di tornare al suo paese per avviare una attività ho concordato io stesso un incentivo per l’uscita del magazzino di Peschiera Borromeo. Le cose non sono andate come erano state da lui programmate è tornato da noi in Italia e si è attivato nel SI Cobas. È lui che ha dato il suo impegno in quel di Novara e ha dato sviluppo a quel coordinamento provinciale”.

IL FATTO QUOTIDIANO