Omicidio Chiara Gualzetti, l’amico conferma l’omicidio: “L’ho accoltellata alla gola”

Omicidio Chiara Gualzetti, l’amico conferma l’omicidio: “L’ho accoltellata alla gola”

Non ha detto di averla picchiata ed è un particolare su cui bisognerà attendere l’esito dell’autopsia


BOLOGNA – L’assassino di Chiara Gualzetti, lucido e lineare nel raccontare dinamica e fasi dell’assassinio. Irrazionale, a tratti contraddittorio e perfino delirante, come riportato nel Mattino,  nello spiegare i motivi del terribile gesto.  Il 16enne è stato fermato nella notte tra lunedì e martedì dai carabinieri dopo un lungo interrogatorio per l’uccisione di Chiara Gualzetti.

Il ragazzo ora si trova nel carcere del Pratello di Bologna in attesa della convalida. All’udienza fissata per oggi il giovane ha risposto alle domande del gip del tribunale per i minorenni di Bologna, che si è riservato la decisione. L’udienza di convalida del fermo si è conclusa dopo un paio di ore. Davanti al Gip del tribunale di Bologna il sedicenne, come riportato da il Mattino, indagato per l’omicidio premeditato di Chiara Gualzetti ha ribadito le dichiarazioni fatte nell’interrogatorio davanti agli inquirenti, nelle quali aveva confessato il delitto. il minore ha sostanzialmente confermato la confessione e la dinamica del delitto: l’appuntamento, il tragitto percorso insieme verso l’Abbazia, il momento in cui ha accoltellato alla gola la vittima. “Non ha detto di averla picchiata ed è un particolare su cui bisognerà attendere l’esito dell’autopsia”. La procura ha chiesto la convalida del fermo – l’accusa è omicidio premeditato con l’aggravante della minore età della vittima – e il carcere visto il grave quadro indiziario e il pericolo di fuga. La decisione è attesa nelle prossime ore. Il ragazzo è difeso dall’avvocata Tania Fonzari che all’uscita non ha detto nulla sul contenuto delle dichiarazioni del suo assistito.

LA CONFESSIONE

La ragazza si era allontanata da casa domenica mattina ed è stata ritrovata senza vita ieri pomeriggio, il corpo parzialmente nascosto da un cespuglio al limitare di un bosco del parco dell’Abbazia di Monteveglio, a poche centinaia di metri dalla propria abitazione, nel territorio del Comune di Valsamoggia. La Procura per i minorenni di Bologna guidata da Silvia Marzocchi sta valutando di disporre una consulenza psichiatrica per il giovane. Nonostante non risulti che in passato il ragazzo sia mai stato seguito da specialisti o in cura, le spiegazioni che ha dato sul movente dell’omicidio sono apparse insensate. Ha detto di aver agito sulla base di una spinta superiore, una sorta di voce interiore che gli ha detto di uccidere. “Una presenza demoniaca che lo spingeva a compiere atti sempre più violenti verso le persone”, ha sintetizzato il capitano dei carabinieri di Borgo Panigale, Riccardo Angeletti. Poi il giovane avrebbe riferito in modo confuso che la ragazza gli aveva espresso la volontà di morire: sul punto si stanno valutando alcune chat. Inoltre ci sarebbe stato da parte di Chiara un interesse sentimentale nei suoi confronti, non corrisposto. “Ha detto di essere infastidito dalle avances della giovane ragazza”, ha affermato l’ufficiale dell’Arma.

Lei, secondo alcune fonti era attratta da lui. Nell’esprimerglielo, avrebbe mescolato amore e desiderio di morte. Le dichiarazioni del 16enne necessitano in ogni caso di un approfondimento di uno specialista, secondo la Procura. Che chiederà la convalida del fermo e la custodia cautelare in carcere e contesta al ragazzo le aggravanti di aver ucciso una persona con meno di 18 anni e la premeditazione. Gli inquirenti ritengono infatti che avesse un piano, dando appuntamento alla giovane già con l’intenzione di ucciderla e uscendo di casa con un coltello da cucina. All’inizio le indagini si erano concentrate anche su altre persone, della cerchia di conoscenze dei due. Ma l’indagato ha riferito di aver fatto tutto da solo e al momento non ci sono motivi per dubitarne. Le sue dichiarazioni saranno riscontrate punto per punto, ma il suo resoconto è stato preciso. Ha dato appuntamento alla ragazza, l’ha portata ai margini del bosco e l’ha assassinata. In quel punto il cadavere è rimasto per un giorno, fino quando non è stato trovato ieri pomeriggio dai volontari attivati dai genitori. I carabinieri sono arrivati al ragazzo perché era l’ultima persona ad aver incontrato Chiara. Lo hanno raggiunto a casa e hanno trovato il coltello, ancora sporco di sangue, così come gli abiti usati al momento del fatto. C’era anche il telefono di Chiara, di cui l’amico voleva disfarsi. Entrambi i cellulari sono stati sequestrati e saranno disposti accertamenti per ricostruire i rapporti tra i due, i messaggi che si sono scambiati. L’indagato ha cancellato alcune chat poco prima di essere rintracciato e questo è un altro elemento a suo carico. Altri messaggi tra i due, forse dal contenuto minaccioso, erano stati segnalati dal padre, già prima del ritrovamento del corpo e anche questi saranno vagliati.