Quarto, continua la lotta alla camorra: 5 i beni confiscati consegnati all’amministrazione locale

Quarto, continua la lotta alla camorra: 5 i beni confiscati consegnati all’amministrazione locale

Il sindaco Sabino: “La lotta per la legalità va avanti senza sosta”


QUARTO – Cinque immobili confiscati alla criminalità organizzata consegnati al Comune di Quarto. Si tratta di beni sottratti a soggetti accusati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di essere esponenti di spicco della camorra locale.

I tecnici comunali, il comandante della Polizia municipale Sciarrillo e il comandante della Tenenza carabinieri di Quarto, il tenente Caruso, sono stati presi in consegna immobili di particolare valore economico e dall’alto valore simbolico di ripristino della legalità.

Su tutti la Villa di via Nicotera n.3 con annessa piscina e appezzamento di terreno, che la procura antimafia ha confiscato nell’ambito di una inchiesta contro il clan Polverino. Un immobile con 2 villini da 14 vani totali per un valore catastale di quasi 1 milione di euro.

“Ringrazio l’Arma dei carabinieri – ha detto il sindaco Antonio Sabino – per la vicinanza in questa battaglia di legalità che la nostra amministrazione comunale ha avviato subito dopo il suo insediamento”.