Sciopero dei lavoratori del settore ambientale: disagi nella raccolta anche a Giugliano

Sciopero dei lavoratori del settore ambientale: disagi nella raccolta anche a Giugliano

Tante le segnalazioni dei cittadini per i cumuli di sacchetti su strade e marciapiedi


GIUGLIANO – I lavoratori operanti nel comparto dell’igiene ambientale hanno indetto per oggi uno sciopero di carattere nazionale. E i disagi sulla raccolta sono già evidenti, anche a Giugliano.

La ratio della protesta è da ricercare nell’applicazione dell’articolo 177 della legge sul ‘codice degli appalti’ che, obbligando le aziende concessionarie ad esternalizzare l’80% delle loro attività, mette a rischio migliaia di posti di lavoro nel comparto.

A proclamarlo sono state Fp Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti. La richiesta è dunque di “intervenire con urgenza sull’articolo 177 del codice appalti che mette a rischio posti di lavoro e, in attesa della revisione annunciata nel Pnrr delle norme sulla concorrenza, avvia la stagione del disfacimento del comparto dei servizi ambientali”.

Epsu, Filctem, Femca, Flaei, Uiltcem sono le altre sigle sindacali che hanno aderito allo sciopero odierno. A questo si aggiungono anche i dipendenti delle ditte Raccolgo e ATI Teknoservice di Giugliano. Una movimentazione generale, dunque, che, come detto, sta già comportando disagi per i ritardi nella raccolta dei rifiuti anche in tutta l’area giuglianese.

Sia in città che in periferia, infatti, sono già tante le segnalazioni di residenti che hanno denunciato la presenza di rifiuti in strada con conseguenze facili da immaginare. Una situazione già vista negli anni scorsi e la preoccupazione è tanta tra i cittadini anche in virtù delle altissime temperature di questi giorni.