Violenze in carcere a Santa Maria Capua Vetere, misure cautelari per 52 agenti

Violenze in carcere a Santa Maria Capua Vetere, misure cautelari per 52 agenti

Gli scontri il 6 aprile del 2020 a seguito di una protesta dei detenuti innescata dalla notizia di un caso di positività al Covid-19 tra le mura dell’istituto casertano


SANTA MARIA CAPUA VETRE – Nella mattinata odierna, i militari del Comando Provinciale dei Carabinieri di Caserta e della Compagnia dei Carabinieri di Santa Maria Capua Vetere, unitamente al personale di Polizia Giudiziaria del Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria, hanno eseguito n. 52 ordinanze applicative di misure cautelari personali nei confronti di altrettante persone in servizio presso diversi uffici del Dipartimento dellamministrazione Penitenziaria della Campania, principalmente presso la Casa Circondariale Francesco Uccelladi Santa Maria Capua Vetere

I Pubblici Ufficiali sono gravemente indiziati a seconda delle loro diverse rispettive posizioni e partecipazioni soggettive, a seguire meglio specificate dei delitti di concorso in molteplici torture pluriaggravate ai danni di numerosi detenuti, maltrattamenti pluriaggravati, lesioni personali pluriaggravate, falso in atto pubblico (anche per induzione) aggravato, calunnia, favoreggiamento personale, frode processuale e depistaggio

In particolare, ferma restando la presunzione di innocenza degli indagati fino ad una sentenza irrevocabile di condanna, sono state disposte ed eseguite, in data odierna

  • n. 8 misure cautelari applicative della custodia in carcere nei riguardi di un Ispettore Coordinatore del 

Reparto Nilo e n. 7 assistenti/agenti della polizia penitenziaria, tutti in servizio presso la casa circondariale di S.M.C.V.

  1. n. 18 misure cautelari applicative degli arresti domiciliari nei confronti del Comandante del Nucleo Operativo Traduzioni e Piantonamenti del Centro Penitenziario di Napoli Secondigliano/Comandante del Gruppo di Supporto agli interventi, del Comandante Dirigente pro tempore della Polizia Penitenziaria di Santa Maria Capua Vetere, della Commissaria Capo Responsabile del Reparto Nilo del medesimo istituto, di un sostituto commissario, di tre ispettori Coordinatori Sorveglianza Generale presso listituto e di n. 11 assistenti/agenti della polizia penitenziaria, sempre in servizio presso la Casa Circondariale di S.M.C.V.
  2. n. 3 misure cautelari coercitive dellobbligo di dimora nel Comune di residenza nei riguardi di tre ispettori della polizia penitenziaria, tutti in servizio presso la casa circondariale di S.M.C.V.
  3. n. 23 misure cautelari interdittive della sospensione dallesercizio del pubblico ufficio rispettivamente rivestito, per un periodo diversificato, tra i 5 ai 9 mesi, nei confronti della comandante del Nucleo Investigativo Centrale della polizia penitenziaria, Nucleo Regionale di Napoli, del Provveditore Regionale per la Campania, Dipartimento dellAmministrazione Penitenziaria nonché n. 21

Assistenti/Agenti della Polizia Penitenziaria, per la quasi totalità in servizio presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere