Campania, caos in spiaggia: madre minaccia e picchia la figlia con schiaffi e pietre

Campania, caos in spiaggia: madre minaccia e picchia la figlia con schiaffi e pietre

I bagnanti hanno prima tentato di calmare la donna, poi hanno avvisato la Capitaneria di porto e i carabinieri


CAMEROTA (SA) – Mamma violenta picchia la figlia sulla spiaggia, ma i bagnanti si ribellano e chiamano le forze dell’ordine. E’ accaduto ieri pomeriggio a Camerota, sulla spiaggia del Pozzallo. La donna, una insegnante di 55 anni residente a Salerno, si era accanita contro la figlia di nove anni.

Prima le ha dato degli schiaffi, poi le ha tirato delle pietre, fortunatamente senza colpirla. E poi, come se non bastasse, anche una serie di minacce di morte. “Devi annegare”, “devi morire”. I bagnanti hanno prima tentato di calmare la donna, poi al rientro in porto hanno avvisato la Capitaneria di porto e i carabinieri che hanno avviato le indagini e avvisato i servizi sociali. “La donna ha inveito contro la bambina senza sosta per alcune ore – hanno raccontato alcuni testimoni – le gettava contro dei sassi e le diceva di morire annegata e di andarsene dal padre, che però non era presente”. Una storia dolorosa che ha molto colpito i bagnanti che, sulla banchina del porto di Camerota, hanno duramente contestato la donna, anche in presenza delle forze dell’ordine.  Le indagini proseguono con il massimo riserbo.

FONTE: REPUBBLICA.IT