Green pass per ristoranti, viaggi, sport e cinema: è attesa per il nuovo decreto

Green pass per ristoranti, viaggi, sport e cinema: è attesa per il nuovo decreto

Continua il confronto tra Governo e Regioni alla ricerca di una mediazione


Italian Green Pass. EU Digital certificate Covid-19. Covid or Coronavirus vaccine certificate. Selective focus Turin, Italy - July 2021

ITALIA – È tempo di confronti, di proposte e controproposte. Un tempo in cui non si può sbagliare. Regioni e Governo centrale si sono confrontate ieri sui criteri di assegnazione dei ‘colori’ delle zone e, soprattutto, sulla possibilità di estensione del Green Pass.

Le posizioni sembrano ancora distanti, soprattutto in riferimento ai parametri da seguire perché si possa essere in zona bianca, gialla o addirittura rossa. Il punto da valutare è senza dubbio quello della pressione ospedaliera con alcune Regioni che hanno proposto di portare il limite massimo di occupazione dei posti letto per restare in zona bianca al 20% per le terapie intensive e al 30% per i reparti ordinari. Una posizione che resta lontana dalle raccomandazioni del Cts che invece le fissava rispettivamente al 5% e al 10%.

Sul Green Pass cambierà di certo qualcosa. Il nuovo decreto dovrebbe infatti rendere obbligatorio l’uso del certificato per mezzi a lunga percorrenza, cinema, piscine e palestre. Sui ristoranti, invece, tanti punti interrogativi, anche se l’ipotesi al momento più accreditata è di un green pass ‘leggero’, cioè rilasciato anche solo dopo una dose.

Le decisioni del Governo potrebbero comunque essere meno categorie rispetto, ad esempio, a quelle della Francia dove, da inizio agosto, il Green Pass sarà obbligatorio per bar, ristoranti, centri commerciali, ma anche per aerei, treni, pullman di lunga percorrenza e strutture mediche. Una decisione che ha comportato diverse proteste sul territorio ma anche un boom di prenotazioni per poter ricevere il vaccino.