La Campania resta in zona bianca: indice di trasmissibilità RT sopra l’uno

La Campania resta in zona bianca: indice di trasmissibilità RT sopra l’uno

La nostra regione resta classificata a rischio epidemico moderato


CAMPANIA – La Campania resta in zona bianca. I dati, riguardo l’andamento epidemiologico, sono al vaglio della cabina di regia. Da lunedì 19 non è previsto nessun passaggio in zona gialla di nessuna regione. C’era infatti il rischio per la Campania, visto l’incremento dei contagi (a causa della variante Delta che sta diventando predominante), superiore al 57% nell’ultima settimana rispetto alla precedente, di passare già da lunedì in zona gialla, ma tale pericolo è scongiurato.

L’indice di trasmissibilità RT sopra 1 per la Campania (1,12) che ha una incidenza (rapporto fra tamponi molecolari e positivi Sars-CoV2 individuati) inferiore a 50. La nostra regione resta classificata a rischio epidemico moderato,  per quanto l’impatto della malattia Covid-19 sui servizi ospedalieri regionali resta minimo “con tassi di occupazione in area medica e terapia intensiva ancora in lieve diminuzione”.

La variante sta portando ad un aumento dei casi in altri paesi con alta copertura vaccinale, pertanto  secondo l’Istituto superiore di Sanità e Ministero è “opportuno realizzare un capillare tracciamento e sequenziamento dei casi ed è necessario raggiungere una elevata copertura vaccinale ed il completamento dei cicli di vaccinazione per prevenire ulteriori recrudescenze di episodi di aumentata circolazione del virus”. In Italia si registra un’impennata dell’Rt e in rialzo anche l’incidenza, rispettivamente a 0,91 (0,66 la scorsa settimana) e a 19 casi su 100 mila abitanti (dati di ieri contro 11 casi su 100mila 7 giorni fa). Sono questi – secondo quanto si apprende, i dati contenuti nella bozza di monitoraggio settimanale dell’Iss- Ministero della Salute sull’andamento dei contagi ora all’esame della cabina di regia e che saranno presentati oggi.