Lotta al racket, 3 arresti a Pozzuoli. Il Sindaco Figliolia: “Segnale importante”

Lotta al racket, 3 arresti a Pozzuoli. Il Sindaco Figliolia: “Segnale importante”

“La guardia non va abbassata e bisogna andare avanti sulla strada del cambiamento culturale che in questi anni ha contraddistinto la nostra città”


POZZUOLI – «Mi congratulo con la Direzione distrettuale antimafia e con i carabinieri del Comando provinciale di Napoli per gli arresti eseguiti questa mattina, in seguito a una accurata indagine, nei confronti di tre malavitosi puteolani che qualche anno fa avevano taglieggiato commercianti, titolari di attività ittiche e ristoratori della nostra città. I tre farabutti hanno ricevuto l’ordinanza di custodia cautelare in carcere, dove vi erano già stati per altri reati e dove mi auguro ci possano rimanere per molto tempo». Lo afferma il sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia, a proposito dei tre indagati ritenuti gravemente indiziati a vario titolo di estorsione, tentata estorsione in concorso e detenzione e porto illegale di armi, con le aggravanti delle finalità mafiose.

«A questi arresti, gli inquirenti ci sono arrivati anche grazie alla collaborazione delle vittime e questo è un segnale importante, che dimostra come, trovando il coraggio di denunciare e fidandosi delle forze dell’ordine, possiamo liberarci da questi criminali che tentano di sfruttare i sacrifici di chi lavora onestamente. La guardia non va abbassata e bisogna andare avanti sulla strada del cambiamento culturale che in questi anni ha contraddistinto la nostra città». Figliolia conclulde: «La sicurezza di noi tutti passa anche attraverso queste operazioni e grazie alla divulgazione in ogni luogo dei concetti di legalità e fiducia nei confronti dello Stato»