Napoli, agente interviene per sventare rapina durante i festeggiamenti: sparato all’addome

Napoli, agente interviene per sventare rapina durante i festeggiamenti: sparato all’addome

Il poliziotto, fuori dal servizio, è intervenuto mentre il malvivente stava minacciando uno dei passeggeri con una pistola


NAPOLI – Sparatoria a Napoli durante i festeggiamenti per la vittoria dell’Italia. I sono avvenuti questa mattina alle 3.15 al Corso Garbaldi, sono finiti in ospedale un poliziotto e un rapinatore. L’agente è stato colpito da un proiettile all’addome, ed è stato trasportato all’ospedale Vecchio Pellegrini e operato subito dopo. Non è in pericolo di vita.

Il poliziotto  sarebbe intervenuto per bloccare l’assalto al corso Garibaldi di Napoli ed è stato colpito da un proiettile all’addome. L’agente è stato trasportato all’ospedale Vecchio Pellegrini e operato subito dopo. Non è in pericolo di vita.

“I fatti si sono svolti questa mattina, alle 3.15 circa”, è la ricostruzione fornita da Domenico Pianese, segretario generale del sindacato di Polizia Coisp. “Dopo aver speronato con l’auto tre scooter, facendoli rovinare in terra”, il rapinatore “stava minacciando uno dei passeggeri con una pistola. In quel momento, è passato in scooter il nostro collega, del commissariato di Secondigliano, che, pur essendo libero dal servizio, è intervenuto qualificandosi come poliziotto”. “Dopo il ferimento dell’agente – continua il sindacalista – l’uomo è stato arrestato per tentato omicidio, detenzione e porto abusivo d’arma, e accompagnato a sua volta all’ospedale del Mare, dove è tuttora in cura perché ferito da un colpo d’arma da fuoco a una gamba”. Conclude Pianese: “Non possiamo che stringerci al nostro collega e alla sua famiglia ringraziandolo per aver dato prova di grande coraggio e per la dedizione al lavoro dimostrati”.