Napoli, residente della galleria Umberto I aggredito e colpito con una bottiglia: “Ho difeso la mia città”

Napoli, residente della galleria Umberto I aggredito e colpito con una bottiglia: “Ho difeso la mia città”

Aveva deciso di filmare e documentare il degrado della Galleria quando viene avvicinato da un uomo che chiede di non registrare filmati per questione di privacy


NAPOLI – Ancora degrado e follia alla Galleria Umberto I di Napoli dove un residente è stato aggredito da uno dei tanti senzatetto che occupano l‘interno ed i porticati della galleria monumentale.

A denunciare l’accaduto è lo stesso protagonista della disavventura, Giorgio Balodimos, che più volte ha denunciato la situazione allarmante che si vive in galleria, che dal proprio profilo Facebook ha racconto dell’aggressione subita. Verso l’1e 30, la notte tra il 7 e l’8 luglio, uscito di casa per gettare l’immondizia, decide di filmare e documentare il degrado della Galleria quando viene avvicinato da un uomo senza fissa dimora, che come racconta Balodimos si procurerebbe da vivere esercitando la professione illecita di parcheggiatore abusivo, che chiede di non registrare filmati per questione di privacy. Comincia così una discussione ed il clochard prima simula di prendere un’arma dalle proprie tasche e poi afferra una bottiglia di vetro che spacca contro il gomito di Balodimos procurandogli una ferita.

“Questo è il risultato per aver difeso la mia CITTÀ, la mia casa, il quartiere dove vivo -Ha scritto in un post su facebook Giorgio Balodimos – leri sera sono stato aggredito da Mustafa, un parcheggiatore abusivo, che opera nel quadrilatero del centro, che è un senza fissa dimora, con precedenti e molto probabilmente con un decreto di espulsione. Dopo la partita ieri sera era ormai tardi verso 1:20 stavo andando a buttare la spazzatura, quando chi mi conosce, sa quanto odio il degrado che incombe nella città, mentre stavo filmando la situazione dello schifo che c’è all’interno della galleria Umberto I si è avvicinato il nostro caro mustafa infastidito si avvicina a dirmi “tu nn può fare vidii perché privacy” lo gli dico “Quale privacy” inizia la discussione che loro qui all’interno della galleria si comportano male incivilmente pisciando a terra e cagando e che si devono comportare meglio. Lui simula di prendere qualcosa dalla tasca, facendomi credere di avere un arma o qualcosa per potermi intimorire, dato che non aveva nulla è corso a prendere una bottiglia da 66cl sul gomito spaccandosi e lacerandomi il gomito, forse, se fosse stata la testa?

“Innanzitutto vogliamo esprimere la nostra solidarietà a Giorgio che da sempre si batte contro il degrado della Galleria Umberto I.  La situazione sta letteralmente sfuggendo al controllo ma nonostante le nostre numerose denunce e richieste di intervento, nulla si è fatto o comunque davvero troppo poco. La galleria oggi giorno che passa sprofonda sempre di più in un vergognoso stato di degrado e di abbandono e la sicurezza è praticamente inesistente. Crediamo che sia arrivato il momento quanto meno di prevedere un sistema di vigilanza continuo e di trovare ai vari clochard e sbandati che occupano la galleria delle sistemazioni più dignitose ed adeguate alle loro esigenze invece di continuare a tollerare un accampamento poco dignitoso per loro e per uno dei maggiori simboli della città.”- sono state le parole del Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli a cui è stata segnalata la vicenda.