Pandemia, tornano i concerti e gli eventi negli stadi: la proposta delle Regioni arriva al ministro Speranza

Pandemia, tornano i concerti e gli eventi negli stadi: la proposta delle Regioni arriva al ministro Speranza

Il protocollo ha già avuto il parere favorevole del Cts. Ferme le discoteche, pronti nuovi ristori


ITALIA – Concerti e grandi eventi all’interno degli stadi. Se di ritorno, seppur graduale, alla normalità bisogna parlare, ecco che l’aspetto relativo agli eventi rappresenta un tassello da mettere prima possibile al proprio posto.

In tal senso le Regioni hanno dunque stilato un nuovo protocollo  che ha già avuto il via libera del Comitato tecnico scientifico e che ora verrà sottoposto all’attenzione del ministro della Salute Roberto Speranza dal quale si spera di ricevere l’ok definitivo.

Un protocollo che sembra essere piuttosto chiaro: l’accesso deve essere consentito esclusivamente a coloro che siano in possesso di una delle Certificazioni verdi Covid-19; deve essere previsto un servizio di controllo sull’osservanza delle misure di prevenzione per tutta la durata dell’evento e l’ingresso massimo di spettatori dovrà essere pari al 25% della capienza totale della strutture.

All’interno degli stadi, infine, dovrà essere garantita l’installazione di “blocchi funzionali” che consentano di tenere separati i settori e garantire, anche all’uscita, un deflusso regolare e scaglionato.

Tutto fermo, come noto, per le discoteche. Non esiste ancora una data per le riapertura e allora il Governo torna a pensare ai ristori da elargire agli imprenditori di questo settore.