Paura nel napoletano: tentano di rubargli lo scooter e gli sparano. Giovane “salvato” da un’agenda

Paura nel napoletano: tentano di rubargli lo scooter e gli sparano. Giovane “salvato” da un’agenda

Il proiettile è infatti rimasto conficcato nello zaino e sarebbe stato “fermato” dall’oggetto al suo interno.  “Ho sentito un colpo ma ero talmente impaurito e sotto choc che non appena sono riuscito a scappare non ho fatto caso a nulla”, ha detto la vittima


TORRE ANNUNZIATA/BOSCOREALE – Un giovane va al lavoro e rischia di morire sotto i colpi di arma da fuoco. E’ accaduto nel napoletano. A salvargli la vita un’agenda, in cui è stato ritrovato un proiettile.

E’ l’incredibile storia raccontata ai carabinieri da un ragazzo di Boscoreale, vittima di un tentativo di rapina. Due uomini, con uno scooter, hanno cercato di sottrargli la sua moto, non riuscendoci. E nel fuggire hanno cercato di ucciderlo. A riportare la notizia è lo Strillone.Tv.

Il fatto è accaduto all’alba di due giorni fa. Come sempre sveglia all’alba e via per andare a lavorare. Lui, di Boscoreale, ha preso il suo scooter e si è diretto verso il suo luogo di lavoro, a Torre Annunziata. Percorrendo via Settetermini, ma prima di arrivare a destinazione ha incrociato due uomini in sella a uno scooter. Hanno cercato di fermarlo per rubargli la sua moto, ma il ragazzo è riuscito a divincolarsi e a fuggire.

“Ho sentito un colpo ma ero talmente impaurito e sotto choc che non appena sono riuscito a scappare non ho fatto caso a nulla”, ha detto la vittima ai carabinieri del nucleo investigativo di Torre Annunziata, coordinati dal maggiore Simone Rinaldi.

Dopo qualche ora la scoperta. Nello zaino che portava sulla schiena, il ragazzo ha trovato un foro. Lo ha aperto e ha fatto la seconda incredibile scoperta: incastrato tra i fogli della sua agenda c’era un proiettile. E ha collegato tutto. Secondo quanto ha raccontato ai militari dell’Arma, quel proiettile è stato esploso da uno dei due ragazzi che hanno tentato di rubargli lo scooter. Un racconto ora al vaglio dei carabinieri, al lavoro per accertare l’esatta dinamica dei fatti e cercare di risalire ai responsabili.

Potevano uccidere un ragazzo per uno scooter. Grazie alla sua agenda, la vittima invece è scampata alla morte per puro caso. A scrivere l’ultima parola sul capitolo più importante è stato il destino.