Afghanistan, calca all’aeroporto di Kabul: il primo bilancio dei morti

Afghanistan, calca all’aeroporto di Kabul: il primo bilancio dei morti

I soldati britannici, cercano di aiutare uomini, donne e bambini stretti nella calca di chi tenta disperatamente di entrare nello scalo afgano per provare a fuggire


AFGHANISTAN – “Pandemonio assoluto” e “almeno tre” corpi senza vita, per la ressa fuori dall’aeroporto di Kabul. E’ la testimonianza sul terreno di Sky News. I soldati britannici, viene riferito, cercano di aiutare uomini, donne e bambini stretti nella calca di chi tenta disperatamente di entrare nello scalo afgano per provare a fuggire, dopo la presa del potere da parte dei talebani.

L’ambasciata Usa in Afghanistan ha emesso un avviso di sicurezza consigliando ai cittadini americani di evitare di recarsi all’aeroporto di Kabul. Nel suo avviso sul proprio sito web, l’ambasciata ha avvertito di “potenziali minacce alla sicurezza fuori dai cancelli” dell’aeroporto. “Stiamo consigliando ai cittadini statunitensi di evitare di recarsi in aeroporto e di evitare i cancelli aeroportuali in questo momento a meno che non si ricevano istruzioni individuali da un rappresentante del governo degli Stati Uniti per farlo”, ha affermato. Intanto il mullah Abdul Ghani Baradar e altri leader dell’ufficio politico talebano sono arrivati nella tarda serata di ieri a Kabul da Kandahar. Secondo alcune fonti, i leader talebani di diverse parti del Paese si stanno radunando nella capitale per avere consultazioni sul futuro governo dell’Afghanistan.

La delegazione dell’ufficio politico del Qatar guidata dal mullah Baradar era arrivata a Kandahar il 18 agosto. Il leader talebano avrebbe incontrato diversi capi politici, tra cui Abdullah Abdullah, nell’ambito dei negoziati. I talebani sono sotto pressione dalla comunità mondiale affinché annuncino una configurazione provvisoria per porre fine all’incertezza politica. Baradar sta avviando colloqui per formare un nuovo governo “inclusivo”, secondo quanto riferisce una fonte del movimento citata dall’agenzia Afp. La fonte ha detto che Baradar incontrerà “leader della Jihad e politici”.

“Voglio differenziare due aspetti. Abbiamo contatti operativi con i talebani, perché con loro dobbiamo ad esempio discutere come facilitare l’arrivo delle persone all’aeroporto. Ma questo è diverso e separato dalle discussioni politiche. Non ci sono discussioni politiche con i talebani e non c’è alcun riconoscimento”. Così la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, in una conferenza stampa in Spagna. E’ tempo di mettere in pratica – ha sottolineato ancora – gli impegni del Forum sui reinsediamenti. “Chiedo a tutti i Paesi che hanno partecipato alla missione in Afghanistan, europei e non, di offrire abbastanza quote per i reinsediamenti e percorsi sicuri, in modo che si possa garantire rifugio a quanti ne hanno bisogno. Siamo pronti ad aiutare gli Stati membri dell’Ue” che accoglieranno. Von der Leyen ha annuncianto che porrà il tema dei “reinsediamenti al G7”.

I nuovi amministratori talebani nella provincia occidentale afghana di Herat hanno vietato le lezioni miste di ragazze e ragazzi nelle università governative e private su questo territorio. Lo riferisce l’agenzia afghana Khaama Press. In una riunione di tre ore tra insegnanti universitari, proprietari di istituzioni private e rappresentanti dei talebani, questi ultimi hanno annunciato che d’ora in poi studenti dei due sessi non potranno assistere insieme alle lezioni. Diversi professori hanno avvertito che, poiché le università private non si possono permettere il costo di organizzare corsi separati, migliaia di ragazze rischiano di non poter più frequentare le lezioni. Nella provincia di Herat ci sono 40mila studenti universitari e 2mila professori.

Il volto del nuovo dominio talebano in Afghanistan si sta mostrando in tutto il suo drammatico terrore. Un terrore diffuso casa per casa, dove gli islamisti vanno a ‘visitare’ ex attivisti, artisti e persone che si erano schierate in passato contro il regime. “Notizie ufficiose” riportate dall’ong italiana Emergency sul posto, ma non sono le prime a circolare sui talebani che vanno di porta in porta a ricordare che ora comandano loro. Comanda l’Emirato islamico che ha riportato indietro il Paese di 20 anni. E anche se la situazione è tornata stabile a Kabul, gli operatori di Emergency raccontano che le raffiche di armi semiautomatiche continuano giorno e notte nella capitale. E cresce il caos all’aeroporto, dove da giorni gli scontri “sono una realtà ancora viva e presente” e si parla di diecimila persone che cercano di prendere voli di evacuazione.

Clarissa Ward, l’inviata della Cnn in Afghanistan che ha continuato per giorni a coprire gli eventi nelle strade di Kabul anche dopo l’arrivo dei Talebani, ha lasciato la notte scorsa il Paese. Lo fa sapere lei stessa in un tweet. “Appena atterrata a Doha con la squadra e quasi 300 evacuati afghani – scrive la giornalista -. Enormi ringraziamenti a tutti voi per il vostro sostegno, all’aeronautica militare Usa per averci portato fuori e al Qatar per averci accolti. Noi siamo quelli fortunati”.

AUMENTANO I MORTI 

Sette persone tra la folla vicino all’aeroporto di Kabul sono morte nella calca mentre cercavano di avvicinarsi allo scalo per lasciare il Paese: lo riporta Sky News, che cita un comunicato diffuso questa mattina dal ministero della Difesa britannico. Il ministero non ha specificato se tutte le vittime siano morte oggi, ne’ ha reso noto le cause dei decessi. Un portavoce del ministero ha precisato che le vittime sono civili afgani. Le “condizioni sul terreno rimangono estremamente impegnative, ma stiamo facendo tutto il possibile per gestire la situazione nel modo più sicuro possibile”, recita il comunicato del ministero. Ieri, secondo i media, quattro persone sono morte nella calca fuori dall’aeroporto della capitale afgana.