Assurdo in Campania: il datore di lavoro lo licenzia e lui gli incendia l’auto

Assurdo in Campania: il datore di lavoro lo licenzia e lui gli incendia l’auto

L’uomo avrebbe agito per vendetta in seguito alla decisione del capo


SOLOFORA (AVELLINO) – Era il 12 agosto scorso quando un’Alfa Romeo Giulietta di un noto imprenditore della zona si incendiò ed andò completamente distrutta. Sul posto, oltre ai Vigili del Fuoco che spensero le fiamme, intervennero anche i carabinieri della locale compagnia che avviarono le indagini.

I i Carabinieri dell’Aliquota Operativa di Solofra, unitamente ai colleghi della locale Stazione hanno raccolto a carico del soggetto gravi indizi di colpevolezza che hanno portato alla sua denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.

Il risultato operativo conseguito è da annoverare tra i serrati servizi di istituto quotidianamente svolti dai reparti dipendenti dal Comando Provinciale Carabinieri di Avellino. I controlli devono contrastare efficacemente le varie forme delittuose che si manifestano nella provincia, in particolare il fenomeno degli incendi che in quest’ultimo periodo ha destato preoccupazione in Irpinia.

A dare alle fiamme la vettura, un ex dipendente che in seguito al licenziamento, per vendetta ha bruciato l’auto del suo datore di lavoro. Secondo quanto emerso dalle indagini, l’uomo aveva perso il lavoro, dopo un rapporto lavorativo turbolento terminato con il suo autolicenziamento. Ma la vicenda era diventata una sorta di ossessione che lo avrebbe portato, nella tarda serata dello scorso 12 agosto, a dare fuoco all’auto del suo ex datore di lavoro, parcheggiata a Solofra in Via Aldo Moro.