Brucia l’auto della ex fidanzata nel napoletano: 22enne arrestato dai Carabinieri

Brucia l’auto della ex fidanzata nel napoletano: 22enne arrestato dai Carabinieri

Il giovane aveva più volte molestato e perseguitato la vittima, causandole un perdurante stato d’ansia, che ha ingenerato nella stessa un fondato timore per la propria incolumità e che l’ha costretta a cambiare le proprie abitudini di vita


auto

CASOLA DI NAPOLI/SCAFATI – I Carabinieri della Stazione di Gragnano, nella mattinata odierna, hanno tratto in arresto un 22enne  residente a Scafati (Sa), in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, emessa dal Gip del Tribunale di Torre Annunziata, su richiesta di questa Procura della Repubblica, poiché gravemente indiziato del reato di atti persecutori nei confronti dell’ex fidanzata, residente a  Casola di Napoli.

Le indagini, condotte dalla Stazione Carabinieri di Gragnano e coordinate da questa Procura della Repubblica, hanno permesso di accertare che l’uomo, dallo scorso mese di gennaio, con condotte reiterate e per futili motivi di gelosia, ha molestato e minacciato l’ex fidanzata, cagionandole un perdurante stato d’ansia, che ha ingenerato nella stessa un fondato timore per la propria incolumità e che l’ha costretta a cambiare le proprie abitudini di vita. L’uomo, oltre ai numerosi pedinamenti e alle minacce verbali, le ha provocato ecchimosi e graffi con aggressioni fisiche, le ha distrutto il telefono cellulare scagliandolo a terra e, in un’occasione, le ha sfilato le chiavi dal cruscotto dell’autovettura, impedendole di allontanarsi. L’escalation di minacce e violenza è culminata lo scorso 25 luglio, allorquando l’odierno arrestato, utilizzando della benzina, ha appiccato il fuoco all’utilitaria in uso alla vittima, parcheggiata nei pressi della sua abitazione, provocando la distruzione  parziale del veicolo.

Espletate le formalità di rito, l’uomo è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.