Campania, Giuseppe trovato morto lungo l’argine di un fiume: aveva 37 anni

Campania, Giuseppe trovato morto lungo l’argine di un fiume: aveva 37 anni

L’uomo aveva deciso di trascorrere la giornata di festa lungo il parco fluviale. Secondo una prima ipotesi sarebbe morto per annegamento


AVELLINO – È del 37enne di Castelfranci (Avellino) Giuseppe Montrone, allontanatosi da casa il giorno di Ferragosto il corpo ritrovato lungo l’argine del fiume Calore. Dopo tre giorni di ricerche, carabinieri e volontari hanno avvistato il cadavere la notte scorsa in una zona a poche centinaia di metri dalla sua abitazione.

L’uomo aveva deciso di trascorrere la giornata di festa lungo il parco fluviale. Secondo una prima ipotesi sarebbe morto per annegamento.

Il riconoscimento è stato effettuato dalla sorella. L’autorità giudiziaria ha disposto il trasferimento della salma in ospedale per l’esame autoptico.

Così lo ricorda Vincenzo, su Facebook:

“Giuseppe non era uno di quei ragazzi che vedevi sempre nei locali il sabato sera o ‘miezzo a la Nave’ i giorni feriali.

Era un tipo sulle sue, dedito al lavoro e al sacrificio, sempre con una busta della spesa in mano, un cellulare vicino l’orecchio, un mazzetto di asparagi appena raccolti e una bici che gli piaceva cambiare continuamente con la quale impennava le prime ore del mattino.
Era a modo suo, una parte fissa del paesello, di questa comunità distrutta ancora una volta nel dare l’addio a un altro ragazzo, troppo giovane e troppo troppo sfortunato.
Non eravamo pronti…
Buon viaggio Pè! Riposa in pace adesso”.