Covid, pellegrini in quarantena dopo viaggio spirituale: rischio di un maxi-cluster

Covid, pellegrini in quarantena dopo viaggio spirituale: rischio di un maxi-cluster

“Dormivamo in camerate da 20”, hanno raccontato i partecipanti ai medici del contact tracing dell’Asl


ROMA – Il rischio di un maxi-cluster spaventa il litorale. A Casal Palocco in 160 sono finiti in quarantena. Tutti pellegrini, come riportato da Il Messaggero,  appena rientrati da un viaggio spirituale in Veneto. “Dormivamo in camerate da 20”, hanno raccontato i partecipanti ai medici del contact tracing dell’Asl Roma 3. Probabilmente proprio per questo il virus è riuscito a moltiplicarsi così facilmente. Il Sisp (Servizio di igiene e sanità pubblica) ha già avviato l’indagine epidemiologica, ma il quadro sembra chiaro: il primo caso è stato registrato durante la trasferta, il 9 agosto. Tempo 24 ore ed è stato scoperto un altro positivo, sempre in Veneto. Il resto del gruppo si è comunque rimesso in viaggio verso la Capitale, il 13. Poi la scoperta: altri 6 positivi accertati. Ed è scattato l’isolamento per tutta la comitiva.

L’APPELLO DEL PARROCO

Centosessanta persone. Non è stato facile per gli esperti del tracciamento ricostruire la catena dei contatti rapidamente, per evitare che i pellegrini appena tornati in città incontrassero altre persone, esponendole al rischio del virus. Soprattutto, è stata dura mettere insieme velocemente il lungo elenco di nomi, indirizzi e numeri di telefono, per fare in modo che tutti venissero messi il prima possibile in quarantena. È stato d’aiuto il sacerdote che ha organizzato il pellegrinaggio: dall’isolamento, ha chiamato personalmente chi ha preso parte al viaggio, quasi tutti residenti tra Casal Palocco, l’Infernetto e Ostia, raccomandando di seguire le indicazioni della Asl. Che così è riuscita a gestire il focolaio in tempi stretti. Un’altra sessione di tamponi è in programma tra domani e martedì. Per capire se l’infezione si è allargata ancora. I vaccinati, passati 7 giorni dal contatto con i positivi, potranno uscire dalla quarantena col referto negativo. Per i non vaccinati invece l’isolamento andrà avanti per i canonici 14 giorni, al termine dei quali servirà sempre un test negativo per mettere fine alle restrizioni.

I CONTAGI

Il focolaio di Casal Palocco arriva in un momento in cui i contagi nel resto della regione sono in flessione. Ieri in tutto il Lazio sono stati annotati nel bollettino regionale 553 nuovi positivi, 108 in meno in 24 ore, -27% rispetto a due settimane fa. Nonostante la variante Delta sia ormai dominante – interessa oltre l’80% dei casi – il fatto che il 70% degli adulti sia stato vaccinato con doppia dose sembra contribuire in modo determinante a contenerne l’avanzata. Aumentano però i posti letto occupati negli ospedali, che infatti si stanno attrezzando, riattivando i reparti Covid. I pazienti ricoverati sono 596; 528 vengono assistiti nei reparti ordinari, gli altri 68 sono ricoverati nelle terapie intensive. Un mese fa i letti occupati erano in tutto 179.