Napoli, orrore al cimitero: tombe distrutte e resti umani in bella vista

Napoli, orrore al cimitero: tombe distrutte e resti umani in bella vista

Qualcuno ha tentato di coprire quello scempio con un pezzo di plexiglass


NAPOLI – Macabro spettacolo quello a cui si può assistere al cimitero di Poggioreale a Napoli dove dalle tombe spuntano resti umani. Non solo, il muro di cinta è sgretolato in più punti ed inoltre i cornicioni delle cappelle sono pericolanti.

A segnalare il caso è l’avvocato Gennaro Esposito, presidente del comitato Vivibilità Cittadina di Napoli, che ha raccolto anche un corposo dossier fotografico da una cittadina in questi giorni che testimonia lo stato di incuria in cui versa attualmente il cimitero di Poggioreale.

“Quei resti di defunti che emergono dalle tombe – sottolinea Gennaro Esposito – mi hanno fatto particolarmente impressione. Qualcuno ha tentato di coprire quello scempio con un pezzo di plexiglass. Qualche anno fa denunciammo il degrado e l’abbandono della Cappella di Matilde Serao, nella occasione avemmo modo di vedere il resto del cimitero in un degrado che oggi è purtroppo nettamente peggiorato. Crediamo che una città che non cura il ricordo dei propri cittadini non abbia futuro è ciò ci indigna non poco”.

Esposito, secondo quanto riporta Fanpage,  suggerisce di chiudere il camposanto temporaneamente per fare i dovuti lavori di manutenzione, considerato lo stato di rischio igienico-sanitario per i visitatori che vanno a trovare i propri cari. Una situazione di degrado che purtroppo va avanti da molti anni, come denunciato più volte, alla quale il Comune di Napoli sembra non riuscire a trovare una soluzione. Nel corso degli anni, purtroppo, a causa dei pensionamenti il personale si è sempre più ridotto all’osso.