Napoli, trovati cellulari nel reparto alta sicurezza del carcere di Secondigliano: scatta il sequestro

Napoli, trovati cellulari nel reparto alta sicurezza del carcere di Secondigliano: scatta il sequestro

A renderlo noto è stata l’Unione dei Sindacati di Polizia Penitenziaria


NAPOLI – La denuncia arriva dall’Unione dei Sindacati di Polizia Penitenziaria (USPP). Undici cellulari, nello specifico 4 smartphone e 7 micro telefonini, con relativi cavetti e accessori, sono stati individuati e sequestrati dalla Polizia Penitenziaria nei locali comuni di uno dei reparti alta sicurezza del carcere di Secondigliano.

“Nonostante la normativa recente che punisce questa fattispecie di reato in caso di possesso e introduzione – ha commenta il segretario regionale dell’Uspp Ciro Auricchio – continuano a susseguirsi attività di rinvenimento di apparecchi telefonici occultati dai detenuti con stratagemmi sempre più raffinati. Il nostro plauso va agli agenti che coordinati dai funzionari di polizia penitenziaria i quali, nonostante il piano ferie in corso e la cronica carenza di organico, sono riusciti a mettere a segno una brillante operazione”.